Che imposta è lIVA?

Lion Hill – Lay fagniriako [Audio ufficiale]

L’8 dicembre 2020, un decreto che riforma, aggiunge e abroga disposizioni della legge sull’imposta sul reddito, della legge sull’imposta sul valore aggiunto e del codice fiscale federale (il “decreto”) è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Federale, che è entrato in vigore il 1° gennaio 2021.

Secondo il Decreto, sono state apportate diverse modifiche e aggiunte al Codice Fiscale Federale (“CFF”, per il suo acronimo in spagnolo), alla Legge sull’Imposta sul Reddito (“LISR”, per il suo acronimo in spagnolo) e alla Legge sull’Imposta sul Valore Aggiunto (“LIVA”, per il suo acronimo in spagnolo). Tra le principali modifiche ci sono le seguenti:

1. Requisiti delle fatture fiscali. Secondo il decreto, le modifiche al CFF sono considerate per quanto riguarda le fatture fiscali o, come noto in Messico, “Comprobantes Fiscales Digitales por Internet” (“CFDI”, per il suo acronimo in spagnolo) e i certificati di timbro digitale per l’emissione della fattura (“CSD”, per il suo acronimo in spagnolo).

L’articolo 29-A del CFF stabilisce che, nei casi in cui l’ID del contribuente (“R.F.C.”, per il suo acronimo in spagnolo) non è noto ai fini della fatturazione, i contribuenti che emettono il CFDI possono utilizzare un codice generico, come se l’operazione fosse celebrata con il pubblico in generale.

  Quanto tempo ho per pagare F24?

Husdjurens Hemliga Liv | Svensk trailer

Quelli di spettacoli pubblici, sul biglietto d’ingresso (ad eccezione dei biglietti d’ingresso a teatri o circhi), quando l’accordo con gli Stati in cui si tiene detto spettacolo o con il Dipartimento del distretto federale non è conforme alle disposizioni della sezione VI dell’articolo 41 del presente documento. L’esenzione prevista nella presente sezione non è applicabile ai biglietti di ingresso per film cinematografici.spettacoli in ristoranti, bar, cabaret, tavola calda di sale da ballo o discoteche non sono considerati pubblici.XIV.

Servizi professionali medici, ospedalieri, di radiologia, di laboratorio o di studio clinico resi da agenzie decentralizzate della Pubblica Amministrazione Federale, del Distretto Federale o dei governi statali o comunali.Per ulteriori informazioni contattare: Consuelo Castro, ccastro@cemefi.org

Guarda l’intervista completa della CNBC al CEO di Berkshire Hathaway

Domande frequenti in relazione all’IVA sulle locazioni immobiliariSkip information indexTaxationIl deposito versato dall’inquilino di un locale ha l’IVA? La costituzione di un deposito a garanzia nella formalizzazione di un contratto di locazione non è soggetta all’IVA in quanto è di natura compensativa (il suo scopo è quello di risarcire i danni che l’inquilino può aver causato al locatore in relazione all’immobile locato), pertanto la ripercussione dell’imposta non è applicabile (art. 78.Three.1 LIVA).

  Come scrivere unemail ad una azienda?

Consultazione DGT V2507-19.La tassa pagata da un inquilino per rescindere un contratto ha l’IVA? No. Le tasse di compensazione non fanno parte della base imponibile (art. 78.Tre.1 LIVA)Le tasse ricevute dagli inquilini per lavori eseguiti nei locali includono l’IVA? No. Le tasse di compensazione non fanno parte della base imponibile (art. 78.Tre.1 LIVA)Il compenso pagato dal proprietario dei locali all’inquilino per la risoluzione di un contratto comprende l’IVA? Sì, in quanto è considerato il corrispettivo di un servizio fornito dall’inquilino che consiste in un “non fare” (smettere di usare i locali).Si deve applicare l’IVA se l’uso dei locali è ceduto gratuitamente (ad es. Se il locatore è iscritto nel registro degli imprenditori, si tratta di un autoconsumo, e deve essere dichiarato come IVA maturata, il risultato dell’applicazione dell’aliquota fiscale del 21% al costo della prestazione del servizio, compreso eventualmente l’ammortamento dell’immobile ceduto.

Shadow Bangz – Beautiful(Official Audio)

Venerdì 12 novembre 2021, è stata ufficialmente pubblicata nella Sezione Sera della Gazzetta Ufficiale della Federazione la Riforma Fiscale per l’anno fiscale 2022 che, in termini generali, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.

Come vi avevamo informato, questa riforma è stata presentata dall’Esecutivo Federale l’8 settembre ed è stata approvata senza osservazioni o modifiche dalla Commissione delle Finanze e del Credito Pubblico delle Camere dei Deputati e dei Senatori il 18 e 26 ottobre, nonostante siano state promosse diverse riserve al progetto.

  Come si conclude una lettera formale?

È importante menzionare che, anche se l’obiettivo di non aumentare o creare nuove tasse è raggiunto, la realtà è che la riforma implica un aumento degli oneri amministrativi e di controllo, così come un aumento del numero di tasse riscosse.

Alle autorità fiscali vengono concessi maggiori e più severi poteri di controllo, aumentando i requisiti e gli obblighi, limitando i benefici, le deduzioni e i crediti, oltre ad applicare misure che costringono i contribuenti a conformarsi in modo quasi coercitivo.

Che imposta è lIVA?
Torna su