Chi deve pagare il rinnovo del contratto di affitto?

Rinnovo del contratto di locazione con quanto anticipo

Quando la fine di un contratto di locazione è all’orizzonte, dovete prendere una decisione. Se l’attuale inquilino desidera rimanere più a lungo, si può scegliere tra rinnovare un contratto di locazione e trovare un altro inquilino. Trovare un nuovo inquilino può essere un processo lungo e costoso che implica la commercializzazione della proprietà, la selezione delle domande, l’esposizione dell’unità e lo screening dei potenziali affittuari. Più tempo ci vuole per trovare un nuovo inquilino, più il processo diventa costoso.

Il Bilancio delinea alcune ragioni per rinnovare un contratto d’affitto, e le prime due riguardano il tempo e il denaro. Se un inquilino sceglie di rimanere con voi, potete risparmiare il tempo che dovreste spendere per cercare un sostituto e poi preparare l’appartamento per un nuovo inquilino.

La spesa per la sostituzione di ogni unità vacante si aggira in media intorno ai 1.750 dollari al mese. Questo prima ancora di prendere in considerazione il vostro tempo personale (o quello del vostro manager di proprietà), che potrebbe essere speso meglio in altre attività.

Se aumentate l’affitto per tenere il passo con il valore di mercato, ma non lo alzate così tanto da far considerare all’attuale inquilino di trasferirsi, riceverete più soldi ogni mese senza dover sborsare soldi per trovare un nuovo inquilino. Inoltre non avrete bisogno di dare alla proprietà una grande revisione, a meno che non siate d’accordo durante le negoziazioni del contratto d’affitto.

  Come avere la calcolatrice sul cellulare?

Processo di rinnovo del contratto di locazione

Un’opzione di rinnovo è una clausola in un accordo finanziario che delinea i termini per rinnovare o estendere un accordo originale. L’opzione di rinnovo appare come un patto nell’accordo originale e fornisce le specifiche in base alle quali le entità possono rinnovare o estendere i termini originali per un tempo addizionale e specificato.

Le opzioni di rinnovo si trovano più spesso nei contratti di locazione. Tuttavia, possono essere incluse in qualsiasi tipo di accordo finanziario in cui è vantaggioso per un’entità estendere l’accordo per un periodo più lungo.

Un’opzione di rinnovo in un contratto di leasing fornisce al locatario l’opzione, ma non l’obbligo, di rinnovare o estendere un contratto di leasing oltre i suoi termini iniziali. I contratti di leasing possono applicarsi sia alle unità residenziali che a quelle commerciali.

Un’impresa in fase di avvio può, per esempio, affittare uno spazio per uffici per tre anni. Un’opzione di rinnovo permetterebbe all’azienda di rinnovare o estendere il contratto di locazione per rimanere nello spazio dell’ufficio oltre il termine di tre anni. Questo può essere vantaggioso per l’azienda se sta andando bene nel posto, in quanto permette all’azienda di rimanere per un ulteriore periodo. Senza un’opzione di rinnovo, l’azienda potrebbe essere costretta ad andarsene e un altro inquilino, che magari offre più soldi, per esempio, potrebbe trasferirsi al suo posto.

  Quanto ammonta limposta di bollo sul conto corrente?

Il rinnovo di un contratto di locazione è un nuovo contratto di locazione

Un rinnovo del contratto di locazione richiede il contributo di tutte le parti – il locatore, l’agente di gestione e l’inquilino. Le istruzioni e gli impegni di tutte le parti devono essere presi e negoziati fino a quando non si raggiunge un accordo reciproco.

La sezione 62 del Residential Tenancies and Rooming Accommodation Act 2008 (RTRA Act) stabilisce che un inquilino deve restituire il General Tenancy Agreement Form 18a entro cinque giorni dal rilascio.    Pertanto, assicurarsi che sia il locatore che gli inquilini siano d’accordo con i termini rilevanti prima di emettere fisicamente un contratto scritto.

In genere, il PM contatterà il locatore tre mesi prima della fine della locazione per chiedere istruzioni sul rinnovo della locazione o sull’emissione di un Notice to Leave (Modulo 12). Se il locatore dà istruzioni per il rinnovo, un nuovo set di documenti viene rilasciato all’inquilino. È pratica comune per un PM allegare anche un Modulo 12 – stipulando all’inquilino che se il contratto di locazione non viene firmato e restituito entro cinque giorni, l’Avviso di Lasciare sarà in vigore.

Questo a volte può causare confusione agli inquilini. Quindi, come professionista impegnato, è vostra responsabilità spiegare le diverse possibilità che sia il locatore che l’inquilino possono sperimentare durante il processo di rinegoziazione del contratto di locazione.

Il padrone di casa non ha inviato il rinnovo del contratto di locazione

Una tassa di rinnovo del contratto di locazione è addebitata da un agente per negoziare un altro termine di locazione con un inquilino esistente, secondo le istruzioni del proprietario, completando i documenti per il prossimo termine di locazione come concordato da entrambe le parti e assicurando la restituzione dei contratti di locazione completamente firmati. Si noti che un padrone di casa o un inquilino non può costringere l’altra parte a un altro termine di locazione. Se un altro termine di locazione non viene concordato da entrambe le parti, il contratto di locazione si trasforma in un contratto periodico una volta raggiunta la data di scadenza del contratto di locazione.

Chi deve pagare il rinnovo del contratto di affitto?
  Qual è la differenza tra la ritenuta alla fonte a titolo di acconto e la ritenuta alla fonte a titolo dimposta?
Torna su