Come funziona il meccanismo dellIVA?

IVA Europa

L’imposta sul valore aggiunto (IVA) è un’imposta sul consumo di beni e servizi che viene riscossa in ogni fase della catena di fornitura in cui viene aggiunto valore, dalla produzione iniziale al punto di vendita. La quantità di IVA che l’utente paga è basata sul costo del prodotto meno i costi dei materiali nel prodotto che sono già stati tassati in una fase precedente.

I sostenitori dicono che l’IVA aumenta le entrate del governo senza far pagare di più i contribuenti ricchi, come fanno le imposte sul reddito. È anche considerata più semplice e più standardizzata di una tradizionale tassa sulle vendite, con meno problemi di conformità.

L’IVA viene riscossa sul margine lordo in ogni punto del processo di produzione, distribuzione e vendita di un articolo. L’imposta è valutata e raccolta in ogni fase. Questo è diverso da un sistema di imposte sulle vendite, in cui l’imposta è valutata e pagata solo dal consumatore alla fine della catena di fornitura.

L’IVA è stata in gran parte una creazione europea. È stata introdotta dall’autorità fiscale francese Maurice Lauré nel 1954, anche se l’idea di tassare ogni fase del processo di produzione si dice sia stata ventilata un secolo prima in Germania.

Reverse charge vat eu

Quando si acquistano beni o servizi da fornitori in altri paesi dell’UE, il Reverse Charge sposta la responsabilità della registrazione di una transazione IVA dal venditore all’acquirente di quel bene o servizio.

In questo modo elimina o riduce l’obbligo per i venditori di registrarsi ai fini IVA nel paese in cui viene effettuata la fornitura.    Se il fornitore incorre nell’IVA locale sui costi relativi al servizio o ai beni forniti nell’ambito del Reverse Charge, può recuperarli attraverso un rimborso dell’IVA dell’UE.

  Quando si pagano le tasse del regime forfettario?

Il meccanismo dell’inversione contabile è stato creato quando il sistema dell’imposta sul valore aggiunto dell’Unione europea è stato riformato per il lancio del mercato unico nel 1993, per aiutare a semplificare le dichiarazioni IVA nei 27 stati membri.

Quando si applica il Reverse Charge, il destinatario dei beni o dei servizi dichiara sia il suo acquisto (IVA a monte) che la vendita del fornitore (IVA a valle) nella sua dichiarazione IVA.    In questo modo, le due voci si annullano a vicenda dal punto di vista del pagamento in contanti nella stessa dichiarazione; dal punto di vista delle autorità, esse possono vedere la transazione riportata nelle caselle speciali previste nelle dichiarazioni per le cessioni di beni o le prestazioni di servizi transfrontaliere.

Testo della fattura per l’inversione contabile dell’IVA

Un’imposta sul valore aggiunto (IVA), conosciuta in alcuni paesi come una tassa su beni e servizi (GST), è un tipo di tassa che viene valutata in modo incrementale. Viene riscossa sul prezzo di un prodotto o servizio in ogni fase della produzione, distribuzione o vendita al consumatore finale. Se il consumatore finale è un’azienda che raccoglie e paga al governo l’IVA sui suoi prodotti o servizi, può recuperare l’imposta pagata. È simile a, ed è spesso paragonata a, un’imposta sulle vendite. L’IVA è un’imposta indiretta perché la persona che alla fine paga l’imposta non è necessariamente la stessa persona che paga l’imposta alle autorità fiscali.

  Quali sono le imposte sulle assicurazioni?

L’IVA essenzialmente compensa il servizio condiviso e le infrastrutture fornite in una certa località da uno stato e finanziate dai suoi contribuenti che sono stati utilizzati nella fornitura di quel prodotto o servizio.[citazione necessaria] Non tutte le località richiedono l’addebito dell’IVA, e le esportazioni sono spesso esenti. L’IVA è di solito implementata come una tassa basata sulla destinazione, dove l’aliquota fiscale è basata sulla posizione del consumatore e applicata al prezzo di vendita. I termini IVA, GST, e la più generale imposta sul consumo sono talvolta usati in modo intercambiabile. L’IVA raccoglie circa un quinto delle entrate fiscali totali sia in tutto il mondo che tra i membri dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE).[1]: 14 Al 2018, 166 dei 193 paesi con piena appartenenza alle Nazioni Unite impiegano un’IVA, compresi tutti i membri dell’OCSE tranne gli Stati Uniti,[1]: 14 dove molti stati usano invece un sistema di imposte sulle vendite.

Cos’è l’IVA

Se la vostra azienda ha due numeri di partita IVA, uno in Germania e un altro in Francia, potreste chiedervi perché far pagare l’IVA in Germania ma non in Francia per due forniture che sono simili in entrambi i paesi. La risposta è nelle regole dell’inversione contabile dell’IVA, che i paesi possono attuare in modo diverso in ogni caso.

Come regola generale, le imprese fanno pagare l’IVA sulle forniture e detraggono l’IVA sugli acquisti. Il meccanismo dell’inversione contabile è una deviazione da questa regola in cui il fornitore non addebita l’IVA sulla fattura e il cliente paga e detrae l’IVA contemporaneamente attraverso la dichiarazione IVA. Il cliente pagherà l’importo netto al fornitore, tuttavia, quando compilerà la dichiarazione IVA, calcolerà manualmente l’IVA sulla fattura in reverse charge e riporterà tale importo come IVA a monte e come IVA a valle, avendo così un effetto nullo per il flusso di cassa del cliente e del fornitore. In alcuni casi, la deduzione completa non è consentita in base alle regole di esenzione parziale.

  Quanto costa un atto notarile per lacquisto di un terreno?

Se si applica l’inversione contabile (vedi sotto i possibili scenari) dovreste emettere una fattura senza IVA e il vostro cliente si autotasserà l’importo dell’IVA. Dovremmo dividere i requisiti per il fornitore e il cliente in una transazione di reverse charge:

Come funziona il meccanismo dellIVA?
Torna su