Come pagare meno tasse sul TFR?

Come pagare meno tasse sul TFR?

Tassazione del trattamento di fine rapporto

Essere licenziati non è mai una buona notizia, ma può essere una manna per il tuo conto di risparmio se ottieni una liquidazione. Può permetterti di fare formazione mentre cerchi un nuovo lavoro, di aumentare il tuo fondo di emergenza o di pagare il debito. Ma una cosa che molte persone non considerano è che dovranno pagare le tasse sulla loro liquidazione. Fortunatamente, ci sono diversi modi per ridurre il carico fiscale.  Continua a leggere per scoprire come ridurre il tuo conto fiscale allo zio Sam.

Un modo semplice per pagare meno tasse sul trattamento di fine rapporto è quello di contribuire a un conto differito dalle tasse come un conto di pensionamento individuale (IRA). Il limite di contribuzione è di 6.000 dollari per l’anno fiscale 2021. Puoi mettere un ulteriore $1,000 se hai più di 50 anni, che conta come un contributo di recupero.

Gli esperti finanziari dicono che dovresti cercare di mettere via più che puoi. Secondo Pamela Capalad di Brunch and Budget, un pianificatore finanziario certificato (CFP), si dovrebbe cercare di contribuire l’importo massimo se si può approfittare di questa opportunità.

Per quelli con piani di assicurazione sanitaria ad alta deducibilità (HDHP), mettere i soldi della tua liquidazione in un conto di risparmio sanitario (HSA) è un ottimo modo per pianificare le spese future se non vuoi metterli verso la pensione.

  A cosa corrisponde la media del 25?

Calcolatore di indennità di licenziamento in Germania

Joshua Wiesenfeld è un investigatore finanziario, un contabile pubblico certificato (CPA) e un esaminatore di frode certificato (CFE) con quasi un decennio di esperienza. Scrive di tasse e investimenti ed è stato pubblicato nel Journal of Accountancy e nel Fraud Magazine. Joshua ha un master in amministrazione pubblica in contabilità forense del John Jay College.

Ebony Howard è un contabile pubblico certificato e un esperto fiscale QuickBooks ProAdvisor. È stata nella contabilità, revisione e professione fiscale per più di 13 anni, lavorando con individui e una varietà di aziende nel settore sanitario, bancario e contabile.

Le indennità di licenziamento possono aiutare molti professionisti disoccupati a rafforzare i loro risparmi mentre cercano un nuovo lavoro, tornano a scuola o investono nello sviluppo professionale. Ma l’indennità di licenziamento è tassabile, e i destinatari sono tenuti a segnalare questi guadagni all’IRS quando presentano la loro dichiarazione dei redditi.

Il trattamento di fine rapporto è il denaro che molte aziende rimettono ai loro dipendenti al momento della cessazione involontaria, come un licenziamento. Di solito è calcolata in base alla durata del tempo in cui si è lavorato per l’organizzazione che termina. I datori di lavoro non hanno l’obbligo di concedere il trattamento di fine rapporto ai dipendenti licenziati, ma molti scelgono di farlo. L’indennità di licenziamento è negoziata tra il datore di lavoro e il dipendente al momento della cessazione.

L’indennità di licenziamento è tassabile

Se sei stato licenziato e stai ricevendo l’indennità di licenziamento, potresti chiederti se devi pagare le tasse su di essa. L’indennità di licenziamento è trattata diversamente dal reddito – e fino a £30.000 di essa è esentasse. Ma, alcune altre parti del vostro pacchetto di licenziamento, come il pagamento delle ferie e il pagamento in sostituzione del preavviso, saranno tassati allo stesso modo del reddito regolare.

  Come si pagano le imposte indirette?

Tutti i pagamenti PILON contrattuali e non contrattuali sono soggetti all’imposta sul reddito e alle deduzioni dell’assicurazione nazionale. Spetta al tuo datore di lavoro identificare ciò che avresti guadagnato in paga base se avessi lavorato durante il tuo periodo di preavviso.

Sei membro dello schema pensionistico del tuo datore di lavoro e stai per ricevere un’indennità di licenziamento di più di £30.000? Allora potresti essere in grado di evitare di pagare le tasse sull’eccesso chiedendo al tuo datore di lavoro se accetterà di versarlo nella tua pensione.

Calcolo della liquidazione

Quando si riceve un’indennità di licenziamento prevista dalla legge, l’importo ricevuto viene ignorato ai fini fiscali, vale a dire che il licenziamento previsto dalla legge è completamente esente da tasse. Lei ha diritto a un’indennità di licenziamento legale se è stato impiegato dalla società per almeno due anni dopo aver raggiunto l’età di 16 anni e ha pagato il PRSI irlandese a una classe qualificante.

I pagamenti forfettari ricevuti da un datore di lavoro al momento del pensionamento o del licenziamento possono essere tassabili. Tuttavia, c’è un’esenzione fiscale di base di € 10.160 più € 765 per ogni anno di servizio completato. L’esenzione di base può essere aumentata di €10.000 in determinate circostanze.

  Quando si pagano le tasse sul trading?

NOTA: I pagamenti esenti da imposta ricevuti/ricevibili da un regime pensionistico come indicato al punto (2) di cui sopra possono avere un effetto negativo sugli sgravi fiscali disponibili contro una somma forfettaria ricevuta da un datore di lavoro (vedi sezione 2).

La PRSI del dipendente e del datore di lavoro non è pagabile su un’indennità di licenziamento. Tuttavia, la parte imponibile del pagamento di fine rapporto è soggetta all’imposta sul reddito e all’Universal Social Charge (USC) alle aliquote fiscali marginali del dipendente.

Come pagare meno tasse sul TFR?
Torna su