Come si calcola il reddito netto di un lavoratore autonomo?

Calcolo del reddito da lavoro autonomo per la sottoscrizione di un mutuo

L’imposta sul lavoro autonomo è una combinazione di tasse – Social Security e Medicare – che pagano le persone che lavorano per se stesse. Inoltre, se possiedi una piccola impresa o lavori come appaltatore indipendente, probabilmente dovrai pagare le tasse di lavoro autonomo sul tuo reddito da lavoro autonomo. Per esempio, se guidi per Uber al di fuori del tuo lavoro giornaliero, dovrai pagare le tasse se il tuo guadagno netto supera i 400 dollari.

Come lavoratore autonomo, sarai responsabile di tenere traccia di quanto devi in tasse. Questo è diverso dal lavorare per un datore di lavoro, dove le tasse FICA (7,65% per la sicurezza sociale e Medicare) sono dedotte dalla tua busta paga.

Per l’anno fiscale 2020, l’aliquota fiscale di lavoro autonomo è del 15,3%. La sicurezza sociale rappresenta il 12,4% di questa tassa e Medicare il 2,9%. Dopo aver raggiunto una certa soglia di reddito, $137.700 per il 2020, non dovrai pagare le tasse di sicurezza sociale al di sopra di tale importo. Tuttavia, dovrai pagare le tasse Medicare su tutti i tuoi guadagni, dato che non c’è un limite di base salariale. Se il tuo reddito è superiore a un certo limite, dovrai effettivamente pagare ulteriori tasse Medicare.

  Quanto costa una copia della successione?

Reddito netto da lavoro autonomo

A prima vista, sembra ingiusto che gli imprenditori – la più importante forza motrice della nostra economia – siano costretti a pagare una tassa aggiuntiva. In realtà, però, gli imprenditori individuali stanno semplicemente pagando questa particolare tassa invece di un’altra.

Se avete avuto un lavoro in cui siete stati pagati con uno stipendio o un salario orario, probabilmente avete familiarità con il fatto che parte del vostro reddito è stato trattenuto per le tasse. Una parte dell’importo trattenuto dal salario di un dipendente va a pagare le tasse di Social Security e Medicare.

Per come sono strutturate queste tasse, l’onere è diviso equamente tra il dipendente e il datore di lavoro. La quota del dipendente è calcolata come il 6,2% del salario del dipendente per la tassa di sicurezza sociale e l’1,45% per la tassa Medicare. Allo stesso tempo, anche il datore di lavoro paga entrambe le tasse, calcolate allo stesso tasso. Di conseguenza, un importo pari al 12,4% (o 6,2% + 6,2%) viene pagato in totale per la tassa di sicurezza sociale, e un importo pari al 2,9% (o 1,45% + 1,45%) viene pagato in totale per la tassa Medicare.

Come calcolare il reddito di lavoro autonomo per il mutuo

Sei un lavoratore autonomo per questo scopo se sei un imprenditore individuale (incluso un appaltatore indipendente), un partner in una partnership (incluso un membro di una società a responsabilità limitata (LLC) multi-membro che è trattata come una partnership per scopi fiscali federali) o sei altrimenti in affari per te stesso. Il termine imprenditore individuale include anche il membro di una LLC a membro singolo che è disconosciuta ai fini dell’imposta federale sul reddito e un membro di una joint venture qualificata. Di solito devi pagare l’imposta sul lavoro autonomo se hai avuto guadagni netti da lavoro autonomo di $400 o più. Generalmente, l’importo soggetto all’imposta di lavoro autonomo è il 92,35% dei tuoi guadagni netti da lavoro autonomo. Si calcolano i guadagni netti sottraendo le spese ordinarie e necessarie del commercio o dell’impresa dal reddito lordo derivato dal commercio o dall’impresa. Si può essere tenuti a pagare l’imposta sul lavoro autonomo anche se attualmente si ricevono prestazioni di sicurezza sociale. La legge stabilisce un importo massimo di guadagni netti soggetti alla tassa di sicurezza sociale. Questo importo cambia ogni anno. Tutti i tuoi guadagni netti sono soggetti alla tassa Medicare.

  Come sono le tasse in Spagna?

Esempio di reddito lordo per lavoratori autonomi

Quando si fa domanda per un mutuo, il prestatore si assicura che il mutuatario possa permettersi la nuova rata del mutuo. Questo viene determinato confrontando il pagamento dell’alloggio proposto dal mutuatario con il suo attuale reddito mensile.

Molti freelance, imprenditori e altri lavoratori indipendenti sono considerati “lavoratori autonomi”. Il loro reddito viene determinato guardando cose come dichiarazioni di profitti e perdite, 1099 e dichiarazioni dei redditi.

La prima considerazione è il requisito dei due anni di lavoro autonomo. Un prestatore si assicurerà che tu sia stato in affari come lavoratore autonomo per almeno due anni. Come si fa a dimostrarlo? Potete fornire una copia della vostra licenza commerciale per iniziare, ma i finanziatori vorranno anche vedere due anni di tasse federali sul reddito, firmate e datate.

  Chi gestisce le tasse?

Gli istituti di credito hanno un’altra definizione per un mutuatario autonomo: chiunque riceva più del 25 per cento del suo reddito in una paga non salariata può essere considerato un lavoratore autonomo. Questo include principalmente coloro che lavorano su commissione o bonus.

La definizione di lavoratore autonomo del prestatore esclude coloro che possiedono meno del 25 per cento di un business. Un esempio comune potrebbe essere una partnership o una LLC dove l’individuo possiede, diciamo, il 10 per cento della società. In questo caso, il mutuatario non è considerato lavoratore autonomo.

Come si calcola il reddito netto di un lavoratore autonomo?
Torna su