Come si calcola limposta Pigouviana?

Investopedia tassa pigouviana

Kimberly Amadeo è un’esperta di economia e investimenti negli Stati Uniti e nel mondo, con oltre 20 anni di esperienza nell’analisi economica e nella strategia aziendale. È il presidente del sito web economico World Money Watch. Come scrittrice per The Balance, Kimberly fornisce approfondimenti sullo stato dell’economia attuale, così come sugli eventi passati che hanno avuto un impatto duraturo.

Somer G. Anderson è CPA, dottore in contabilità e professore di contabilità e finanza che lavora nel settore della contabilità e della finanza da più di 20 anni. La sua esperienza copre una vasta gamma di aree di contabilità, finanza aziendale, tasse, prestiti e finanza personale.

Una tassa pigouviana è un costo governativo su qualsiasi attività che crea esternalità socialmente dannose.  Un’esternalità è un’attività che crea un effetto negativo sugli altri in una società ma non necessariamente sulla persona che fa quell’attività.

L’inquinamento è un’esternalità, per esempio. I conducenti di veicoli non conformi non soffrono immediatamente dei loro gas di scarico, ma tutti quelli dietro di loro sì. Il loro scarico aumenta anche l’inquinamento per tutti nella comunità.

Vantaggi e svantaggi della tassa pigouviana

Arthur Cecil Pigou (1877-1959) ha proposto una soluzione al problema delle esternalità che è diventata un approccio standard. Questa semplice idea consiste nell’imporre una tassa per unità su un bene, generando così esternalità negative pari all’esternalità marginale alla quantità socialmente efficiente. Questo è noto come una tassa PigouvianaUna tassa per unità su un bene. Così, se alla quantità socialmente efficiente, il costo esterno marginale è 1$, allora una tassa di 1$ per unità porterebbe al giusto risultato. Questo è illustrato nella figura 7.3 “La tassa Pigouviana”.

  Come calcolare tasse forfettario?

La tassa che viene aggiunta è la differenza, alla quantità socialmente efficiente, tra il costo sociale marginale e il costo privato marginale, che è uguale al costo esterno marginale. Il livello dell’imposta non deve necessariamente essere uguale al costo esterno marginale ad altre quantità, e la figura riflette un costo esterno marginale che cresce al crescere della quantità. Tuttavia, la nuova curva di offerta creata dall’aggiunta della tassa interseca la domanda (il beneficio marginale) alla quantità socialmente efficiente. Di conseguenza, il nuovo equilibrio competitivo, tenendo conto della tassa, è efficiente.

Imposta Pigouviana pdf

Arthur Cecil Pigou (1877-1959) ha proposto una soluzione al problema delle esternalità che è diventata un approccio standard. Questa semplice idea consiste nell’imporre una tassa per unità su un bene, generando così esternalità negative pari all’esternalità marginale alla quantità socialmente efficiente. Questo è noto come una tassa PigouvianaUna tassa per unità su un bene. Così, se alla quantità socialmente efficiente, il costo esterno marginale è 1$, allora una tassa di 1$ per unità porterebbe al giusto risultato. Questo è illustrato nella figura 7.3 “La tassa Pigouviana”.

  Quanti FPS servono per giocare a Fortnite?

La tassa che viene aggiunta è la differenza, alla quantità socialmente efficiente, tra il costo sociale marginale e il costo privato marginale, che è uguale al costo esterno marginale. Il livello dell’imposta non deve necessariamente essere uguale al costo esterno marginale ad altre quantità, e la figura riflette un costo esterno marginale che cresce al crescere della quantità. Tuttavia, la nuova curva di offerta creata dall’aggiunta della tassa interseca la domanda (il beneficio marginale) alla quantità socialmente efficiente. Di conseguenza, il nuovo equilibrio competitivo, tenendo conto della tassa, è efficiente.

Diagramma fiscale pigouviano

Una tassa pigoviana (Pigouvian) è una tassa valutata contro gli individui privati o le imprese che si impegnano in attività che creano effetti collaterali negativi per la società. Gli effetti collaterali negativi sono quei costi che non sono inclusi come parte del prezzo di mercato del prodotto.  Questi includono l’inquinamento ambientale, le pressioni sulla sanità pubblica dalla vendita di prodotti di tabacco, e qualsiasi altro effetto collaterale che abbia un impatto esterno negativo. Le tasse pigoviane prendono il nome dall’economista inglese Arthur Pigou, un importante contributore della prima teoria delle esternalità.

La tassa pigoviana ha lo scopo di scoraggiare le attività che impongono un costo di produzione a terzi e alla società nel suo insieme.  Secondo Pigou, le esternalità negative impediscono ad un’economia di mercato di raggiungere l’equilibrio quando i produttori non assumono tutti i costi di produzione. Questo effetto negativo potrebbe essere corretto, egli suggerì, imponendo tasse pari ai costi esternalizzati. Idealmente, la tassa sarebbe equivalente al danno esterno causato dal produttore e quindi ridurrebbe i costi esterni in futuro.

Come si calcola limposta Pigouviana?
  Quali sono i beni strumentali 40?
Torna su