Come si calcolano le imposte anticipate?

Dtl dta

Home>Finanza Personale>Attività Fiscale DifferitaSHAREDAttività Fiscale DifferitaLa parola ‘differita’ sta per posticipata o ritardata, e il concetto di imposta differita si riferisce a un’imposta che è dovuta per l’anno finanziario corrente o è stata stimata, ma non è ancora pagata. Questa imposta ha origine quando l’importo dell’imposta viene pagato o riportato senza menzionarlo nel conto economico.

In termini più semplici, è una voce negativa o positiva nel bilancio dell’azienda che si verifica a causa delle imposte dovute o delle imposte pagate in eccesso. Una parte dell’imposta differita è un’attività fiscale differita, che è comunemente conosciuta come DTA.

Supponiamo che un’azienda abbia fatto un profitto di Rs.10.000 prima delle tasse, e che includa Rs. 2000 come crediti inesigibili che ha subito. Ora, per ottenere un profitto sul pagamento delle tasse, l’azienda contabilizzerà questo cattivo debito per il futuro quando recupererà la somma. Pertanto, il reddito imponibile dopo questo sarà di Rs. 12.000 e se l’aliquota dell’imposta sul reddito è del 30%, per esempio; allora la società deve pagare un’imposta di Rs. 3600 (12.000*30%).

Bilancio delle attività fiscali differite

Questo avrà probabilmente un impatto sulle aziende che sono andate nel 2020 con attività fiscali differite sui libri contabili (e potenzialmente molte che non l’hanno fatto ma hanno comunque subito gravi impatti sui ricavi dalla pandemia). Indubbiamente, in alcuni casi, questo richiederà una riserva di valutazione per ridurre le attività fiscali differite, date le incognite sulla ripresa post-pandemia.

In termini più semplici, un’attività fiscale differita (DTA) nasce da un pagamento eccessivo o anticipato di tasse. Può risultare da una differenza tra regole fiscali e contabili o da un riporto di perdite fiscali. Sul bilancio, le DTA sono elencate come attività, poiché rappresentano una spesa passata che può potenzialmente essere recuperata in futuro. Le attività fiscali differite possono essere “riscattate” in un futuro periodo di redditività per ridurre gli obblighi fiscali – l’imposta pagata sarà ridotta dal valore delle DTA, che erano essenzialmente un pre-pagamento dell’obbligo fiscale corrente. Così, le DTA hanno l’effetto netto di aumentare le entrate quando vengono riscattate.

  Come cambiare ora smartwatch Yamay?

Prima del Tax Cut and Jobs Act del 2017 (TCJA), c’era una finestra temporale limitata in cui le DTA potevano essere portate avanti per ripagare un obbligo fiscale corrente. Il TCJA ha eliminato il limite di tempo, il che significa che le DTA ora hanno una durata illimitata, almeno in teoria. In pratica, è estremamente improbabile che una DTA risalente al 2018, subito dopo il passaggio del TCJA, sia ancora sui libri contabili per essere riscattata nel 2028, non solo perché la politica fiscale può cambiare nel frattempo, ma anche per le ragioni indicate nelle sezioni seguenti.

Passività differite

Il calcolo delle imposte differite mostra l’ammontare delle imposte sul reddito da pagare o da recuperare negli esercizi futuri in relazione alle differenze temporanee e alle perdite fiscali non utilizzate. Le differenze temporanee sono differenze tra i valori contabili e fiscali di attività e passività. Le differenze temporanee esisteranno spesso in relazione ad attività e accantonamenti non correnti.

Il calcolo delle imposte differite su attività non correnti, come immobili, impianti e attrezzature, è di solito la parte più complicata del calcolo delle imposte differite. Il calcolo inizierebbe generalmente con i valori dell’attivo indicati nello stato patrimoniale e il valore indicato nel registro delle immobilizzazioni fiscali. Tuttavia, saranno spesso necessari aggiustamenti per terreni, edifici, investimenti immobiliari, avviamento e WIP. Possono anche essere necessarie rettifiche per le voci riconosciute al di fuori del registro delle immobilizzazioni fiscali.

  Quando non è dovuto lacconto addizionale comunale?

Il calcolo delle imposte differite sui beni immobili dipende dal fatto che l’entità preveda di recuperare il valore del bene attraverso l’uso o la vendita. Il calcolo può anche differire a seconda della data di rilevazione iniziale e della vita utile residua.

Attività differite

Tenendo conto di quanto detto sopra, si crea un’imposta differita a causa delle differenze temporali che portano all’accumulo di obblighi fiscali che sono dovuti in anni separati. In termini semplici, quando una società deve pagare l’imposta per una transazione finanziaria che non è stata ancora completata, la stessa viene differita all’anno in cui viene effettivamente completata.

Ai fini dell’imposta sul reddito, l’imposta differita è un’imposta che deve essere pagata nel periodo corrente ma che non è ancora stata pagata. Ciò significa che l’imposta sarà alla fine dovuta nei periodi futuri. Il differimento è dovuto alla differenza temporale tra il trattamento di varie voci ai fini fiscali.

Per esempio, le spese che sono ammortizzate nei libri contabili in un periodo di tempo ma che possono essere dedotte completamente nel primo anno. Un altro esempio potrebbe essere un bonus, un fondo previdenziale pagabile che non sono pagati prima della data di scadenza della presentazione della dichiarazione. Lo stesso è permesso nell’anno in cui il pagamento effettivo viene effettuato.

  Chi deve pagare la tassa sui rifiuti?

Nel caso di una società, un’attività fiscale differita viene creata quando l’importo dell’imposta è stato riportato ma non è stato riconosciuto nei libri contabili della società. Si crea anche nel caso in cui la società ha pagato un’imposta extra al dipartimento. Le attività fiscali differite sono riconosciute come un’attività nello stato patrimoniale e sono compensate dalle passività fiscali future della società. Si crea a causa delle differenze temporali tra i profitti contabili e i profitti imponibili della società. Di seguito sono riportati alcuni esempi che possono portare alla creazione di un’attività fiscale differita:

Come si calcolano le imposte anticipate?
Torna su