Come si registra preliminare di compravendita?

La vendita dei gettoni $CSPR! Con Coinlist

Una volta che l’acquirente di un immobile situato in Italia concorda con il venditore il prezzo di acquisto e altri termini chiave, come la data in cui avverrà la consegna dell’immobile, le parti stipulano un “contratto preliminare”, letteralmente un “contratto preliminare”.

Il contratto preliminare è un accordo per stipulare in una data futura l’atto con cui il titolo di proprietà viene trasferito dal venditore all’acquirente. L’atto è chiamato “contratto definitivo”, letteralmente il “contratto finale” o “definitivo” e deve essere eseguito davanti a un notaio italiano.

Se l’acquirente rifiuta di stipulare il contratto definitivo, il venditore trattiene la caparra. Se il venditore si rifiuta di stipulare il contratto definitivo, deve pagare all’acquirente il doppio della caparra.

Il contratto preliminare si occupa di questioni fondamentali come l’autorità e la capacità del venditore e del compratore di stipulare il contratto definitivo, così come i termini chiave di tale contratto, come le informazioni che identificano la proprietà (tipo di edificio, numero di stanze, dati catastali, planimetrie, certificato di efficienza energetica ecc.) In assenza di tali elementi di base, il contratto preliminare non sarà valido.

Copart.com Tutorial | Come comprare

Contratto preliminare per l’acquisto di un immobile in ItaliaIl primo accordo così detto Compromesso da firmare prima di quello definitivo chiamato RogitoLa firma di un contratto preliminare in Italia produce effetti obbligatoriIl contratto preliminare per l’acquisto di un immobile in Italia (detto anche: compromesso) non determina ancora il passaggio di proprietà dell’immobile (es.: casa) dal venditore all’acquirente, ma obbliga entrambe le parti a firmare il contratto definitivo davanti al notaio.

  Quando si paga limposta di donazione?

Il contratto preliminare deve essere registrato all’Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla firma, pagando l’imposta di registro e apponendo i bolli; le tasse sono a carico dell’acquirente; anche la proposta di acquisto di beni immobili quando viene accettata deve essere registrata all’Agenzia delle Entrate.

– il venditore riceve invece, in occasione della firma del contratto preliminare, una sostanziosa caparra confirmatoria che potrebbe reggere nel caso in cui l’acquirente rinunci all’acquisto.

Video guida per la registrazione, preparazione e archiviazione del reddito

Il contratto di vendita è stato firmato da venditore e acquirente! I primi passi sono stati fatti, Salute. Tuttavia, non siete ancora arrivati. Quali passi devono ancora essere fatti? Nivita Makelaars ne dice di più.

Ci assicuriamo che tutti i termini e le condizioni risolutive siano inclusi nel contratto d’acquisto. Se il contratto d’acquisto è stato approvato da Nivita Makelaars, lo esamineremo e lo discuteremo. Poi potrete firmare. Dopo che il contratto d’acquisto è stato firmato, potete continuare la richiesta del mutuo. Prima di firmare il contratto di acquisto avremo pronto il rapporto appraisel. E se necessario la perizia strutturale. Il consulente ipotecario o la banca hanno bisogno dei seguenti documenti: copia del passaporto e del permesso di soggiorno, il contratto di acquisto firmato, la relazione di valutazione, la dichiarazione del datore di lavoro, la specificazione del salario, gli estratti conto dei risparmi o dei prestiti, i portafogli di investimento e le proprietà possedute al di fuori dei Paesi Bassi, la conferma della concessione del 30% da parte del dipartimento delle imposte (se applicabile).

  Quando il contratto è efficace?

E

Il contratto preliminare (Compromesso) è un accordo privato che stabilisce il prezzo totale della casa e le condizioni che devono essere soddisfatte prima della vendita. Da gennaio 2007, tutte le agenzie immobiliari italiane registrate sono obbligate a registrare tutti i contratti preliminari. Questo è pagato da voi acquirenti e costerà 168 euro che è la tassa di registrazione fissa, più 2 bolli o timbri (questi sono attualmente 14,62 euro ciascuno) e lo 0,5% della caparra. Nel caso in cui il vostro deposito sia di 24.000 euro, per esempio, ci sarà una tassa di registrazione di 120 euro. A questo punto l’acquirente di solito è tenuto a pagare circa il 30% del prezzo totale di vendita.

Questo sembra molto, ma assicura che nessuno possa essere gazzeggiato e protegge sia l’acquirente che il venditore dall’inadempienza del contratto. Se siete inadempienti, perdete il vostro deposito, se il venditore è inadempiente, è tenuto a restituirvi il doppio del valore del vostro deposito. Dato che questo è un accordo privato, possiamo firmarlo a vostro nome se lo desiderate.

Prima che il Geometra possa andare avanti e scrivere questo contratto hanno bisogno di ricercare l’origine della casa cioè da chi i venditori hanno comprato, controlleranno se ci sono pegni o ipoteche sulla proprietà, controlleranno le servitù e chi sono i vicini con i confini comuni. In questa fase, potete anche rendere note le condizioni che desiderate porre sull’acquisto. Per esempio, potrebbe essere importante per voi avere il permesso per una piscina. Potete farlo scrivere nel contratto preliminare e, se il permesso non viene ricevuto in seguito, potete recedere dall’acquisto con un rimborso completo.

Come si registra preliminare di compravendita?
  Cosa vuol dire imposta reale?
Torna su