Come vengono tassate le polizze vita?

Assicurazione sulla vita permanente

Questa pubblicazione è concessa in licenza secondo i termini della Open Government Licence v3.0 eccetto dove diversamente indicato. Per visualizzare questa licenza, visitare nationalarchives.gov.uk/doc/open-government-licence/version/3 o scrivere all’Information Policy Team, The National Archives, Kew, London TW9 4DU, o inviare una e-mail a: psi@nationalarchives.gov.uk.

Questo foglio d’aiuto tratta dei guadagni di eventi imponibili derivanti da polizze assicurative sulla vita nel Regno Unito. Copre le circostanze più comuni che è probabile incontrare quando si ha a che fare con la tassazione delle plusvalenze sulle polizze di assicurazione sulla vita. Queste note sono generalmente applicabili a persone fisiche, fiduciari e rappresentanti personali di una persona deceduta, a meno che le note non dicano diversamente.

Le plusvalenze imponibili possono anche sorgere su rendite vitalizie acquistate e su polizze di rimborso del capitale. Se credete di avere uno di questi due tipi di polizze (o se le vostre circostanze sono più complesse) potete trovare una guida più dettagliata nell’Insurance Policyholder Taxation Manual (IPTM).

In queste note i “guadagni” sono guadagni di eventi imponibili. Sono tassabili come reddito, anche se l’imposta all’aliquota di base può essere trattata come pagata sul guadagno, nel qual caso un’ulteriore imposta sarà dovuta solo dai contribuenti con aliquota superiore (o aggiuntiva). Non sono guadagni in conto capitale, quindi le perdite in conto capitale e l’importo annuale esente non possono essere compensati.

Assicurazione sulla vita a termine

Potete scegliere che la compagnia assicurativa trattenga questi proventi dopo la vostra morte e li distribuisca al vostro beneficiario in una data successiva o in una serie di rate. I fondi che l’assicuratore trattiene guadagnano interessi, e quando un pagamento viene fatto al vostro beneficiario, può includere sia il capitale che gli interessi guadagnati da quel capitale, o solo gli interessi. Anche se la parte di capitale del pagamento è esente da tasse, la parte di interesse è tassabile per il vostro beneficiario come reddito ordinario.

  Come pagare su eToro?

In alcuni casi, se trasferite la proprietà della vostra polizza di assicurazione sulla vita a un’altra parte prima della vostra morte per un valore monetario o altro corrispettivo, il ricavato pagato al beneficiario alla vostra morte potrebbe essere considerato reddito imponibile per quel beneficiario. Si tratta di una questione complicata e dovreste chiedere l’assistenza di un professionista delle tasse prima di completare la transazione.

I proventi della vostra polizza di assicurazione sulla vita possono essere soggetti alle imposte federali sul patrimonio se avete ciò che è noto come incidenti di proprietà nella politica. Se controllate la polizza in qualsiasi modo – cioè, potete cancellarla, cederla, prenderla in prestito, darla in pegno o assegnarla, o potete cambiare il beneficiario – allora possedete degli incidenti di proprietà nella polizza, e il ricavato della polizza può essere soggetto a imposte di successione federali quando morite. Potreste rimandare queste tasse di successione se il ricavato della polizza deve andare al vostro coniuge, ma le tasse potrebbero essere dovute più tardi quando il vostro coniuge muore. Ancora una volta, queste questioni sono complicate; cerchi il consiglio di un professionista qualificato quando pianifica il suo patrimonio.

Interessi esentasse

Tuttavia, possono esistere situazioni in cui il beneficiario è tassato su alcuni o tutti i proventi di una politica. Se l’assicurato sceglie di non avere il beneficio pagato immediatamente alla sua morte, ma di essere tenuto dalla compagnia di assicurazione sulla vita per un determinato periodo di tempo, il beneficiario può dover pagare le tasse sull’interesse generato durante quel periodo. E quando una prestazione in caso di morte viene pagata a un patrimonio, la persona o le persone che ereditano il patrimonio possono dover pagare le tasse sul patrimonio.

  Chi mette il bollo sulla cambiale?

Il reddito guadagnato sotto forma di interesse è quasi sempre tassabile ad un certo punto. L’assicurazione sulla vita non fa eccezione. Questo significa che quando un beneficiario riceve i proventi dell’assicurazione sulla vita dopo un periodo di accumulo di interessi piuttosto che immediatamente alla morte dell’assicurato, il beneficiario deve pagare le tasse, non sull’intero beneficio, ma sull’interesse. Per esempio, se il beneficio di morte è di 500.000 dollari, ma guadagna il 10% di interesse per un anno prima di essere pagato, il beneficiario dovrà pagare le tasse sulla crescita di 50.000 dollari.

Secondo l’IRS, se la polizza di assicurazione sulla vita vi è stata trasferita per contanti o altri beni, l’importo che si esclude come reddito lordo quando si archiviano le tasse è limitato alla somma del corrispettivo pagato, qualsiasi premio aggiuntivo pagato, e certi altri importi – in altre parole, non si può strapagare una polizza come un modo per ridurre il proprio reddito imponibile.

Fondo assicurativo sulla vita irrevocabile

Non sarebbe bello se poteste trasmettere il vostro intero patrimonio senza essere tassati? Anche se questo scenario è altamente improbabile, ci sono alcune decisioni intelligenti che si possono prendere per evitare future conseguenze fiscali. Una decisione sbagliata che gli investitori sembrano prendere frequentemente è la denominazione di “pagabile al mio patrimonio” come beneficiario di un accordo contrattuale, come un conto individuale di pensionamento (IRS), una rendita o una polizza di assicurazione sulla vita.

  Che cosa si intende per ICP?

Quando si nomina il patrimonio come beneficiario, si toglie il vantaggio contrattuale di nominare una persona reale e si sottopone il prodotto finanziario al processo di successione. Lasciare oggetti all’eredità aumenta anche il valore dell’eredità, e potrebbe sottoporre i vostri eredi a tasse di successione eccezionalmente alte.

Uno dei vantaggi di possedere un’assicurazione sulla vita è la capacità di generare una grande somma di denaro pagabile ai vostri eredi alla vostra morte. Un vantaggio ancora maggiore è il beneficio federale esente da imposte sul reddito che i proventi dell’assicurazione sulla vita ricevono quando vengono pagati al beneficiario. Tuttavia, mentre i proventi sono esenti da imposte sul reddito, possono ancora essere inclusi come parte del vostro patrimonio tassabile ai fini dell’imposta di successione.

Come vengono tassate le polizze vita?
Torna su