Cosa si intende per autoliquidazione?

Cosa si intende per autoliquidazione?

Struttura autoliquidante

Da un altro punto di vista, la liquidazione potrebbe significare il trasferimento di oggetti di valore o attività potenziali in forma monetaria. Tuttavia, questa definizione non è particolarmente applicabile in questo caso, poiché il prestito in questione è solitamente già in forma monetaria.

Di conseguenza, un prestito liquidato significa un prestito che è stato liquidato o rimborsato. La liquidazione di un prestito può avvenire sia per mezzo di un pagamento completo, una disposizione, un rifinanziamento o un compromesso. Inoltre, può anche essere una vendita a un acquirente di prestiti cancellati o qualsiasi altro mezzo di liquidazione di tale prestito.

Prima di optare per qualsiasi contratto di prestito, è importante avere in mente una fonte e un piano di rimborso. In altre parole, il vostro piano di liquidazione dovrebbe iniziare con il vostro piano di prestito. In questo modo, non ci si incaglia lungo la linea.

Anche se può sembrare poco saggio usare il vostro investimento per la liquidazione del prestito, in realtà va oltre. Non solo il tuo indebitamento riduce il tuo valore totale di credito, ma finisce anche per essere in cima alla tua lista di spese. Pertanto, per evitare di essere intasati dai debiti, è meglio cancellarli quando si ha la possibilità di farlo.

Strumento autoliquidante

Cierra Murry è un’esperta di banche, carte di credito, investimenti, prestiti, mutui e immobili. È una consulente bancaria, agente di firma di prestiti e arbitro con più di 15 anni di esperienza in analisi finanziaria, sottoscrizione, documentazione di prestito, revisione dei prestiti, conformità bancaria e gestione del rischio di credito.

  Come viene chiamata leconomia caratterizzata dalluso di Internet?

Hilarey Gould ha trascorso più di 10 anni nello spazio dei media digitali, dove ha sviluppato una passione per aiutare le persone a capire l’economia, il risparmio, gli investimenti, i vantaggi delle carte di credito, i tassi dei mutui e altro ancora. Hilarey è un direttore editoriale associato per The Balance e ha ricoperto ruoli a tempo pieno e freelance in una varietà di società di media finanziari tra cui realtor.com, Bankrate e SmartAsset. Ha un master in giornalismo all’Università del Missouri e una laurea in giornalismo e scrittura professionale al The College of New Jersey (TCNJ).

Tipicamente, i prestiti autoliquidanti hanno piani di rimborso che sono progettati per coincidere con il flusso di cassa associato con le attività sottostanti. Essi tendono ad essere a breve termine e sono più spesso utilizzati dalle imprese. Esaminiamo come funzionano i prestiti autoliquidanti, chi li può usare e quali sono i loro pro e contro.

I beni autoliquidanti sono

Cos’è un prestito autoliquidante? Un prestito autoliquidante è un debito che viene pagato dal flusso di cassa generato dalle attività originariamente acquisite con i fondi del debito. I pagamenti programmati del prestito sono tipicamente strutturati per coincidere con i flussi di cassa generati dall’attività sottostante. Questi prestiti sono strutturati per avere una breve durata, e sono utilizzati per finanziare aumenti temporanei delle attività correnti. I prestiti autoliquidanti sono comuni nelle attività stagionali, dove la maggior parte delle vendite si verifica in un breve periodo di tempo.

  Quali sono le imposte deducibili?

Esempio di un prestito autoliquidanteUn’impresa stagionale ottiene un prestito di 100.000 dollari per acquistare l’inventario per la sua stagione natalizia. Una volta che l’inventario è stato venduto durante il picco della stagione di vendita, l’afflusso di denaro risultante viene utilizzato per pagare l’intero importo del prestito. In previsione di questo afflusso di denaro, i termini del prestito per l’inventario sono impostati in modo da richiedere pagamenti solo dopo che la stagione di vendita è stata conclusa.Corsi correlatiGestione della liquidità aziendale Finanza aziendale Guida del tesoriere

Esempio di autoliquidazione

Cos’è un prestito autoliquidante? Un prestito autoliquidante è un debito che viene pagato dal flusso di cassa generato dalle attività originariamente acquisite con i fondi del debito. I pagamenti programmati del prestito sono tipicamente strutturati per coincidere con i flussi di cassa generati dall’attività sottostante. Questi prestiti sono strutturati per avere una breve durata, e sono utilizzati per finanziare aumenti temporanei delle attività correnti. I prestiti autoliquidanti sono comuni nelle attività stagionali, dove la maggior parte delle vendite si verifica in un breve periodo di tempo.

Esempio di un prestito autoliquidanteUn’impresa stagionale ottiene un prestito di 100.000 dollari per acquistare l’inventario per la sua stagione natalizia. Una volta che l’inventario è stato venduto durante il picco della stagione di vendita, l’afflusso di denaro risultante viene utilizzato per pagare l’intero importo del prestito. In previsione di questo afflusso di denaro, i termini del prestito per l’inventario sono impostati in modo da richiedere pagamenti solo dopo che la stagione di vendita è stata conclusa.Corsi correlatiGestione della liquidità aziendale Finanza aziendale Guida del tesoriere

Cosa si intende per autoliquidazione?
  Come calcolare costo successione?
Torna su