Cosa significa con obbligo di rivalsa?

Diritto di regresso

Il debito di regresso permette al creditore di prendere altri beni dal mutuatario oltre alla garanzia per ripagare il debito. Nella maggior parte dei casi, il creditore può ottenere una sentenza di inadempienza per sequestrare i beni non rivendicati, prelevare i conti bancari o pignorare i salari. Il creditore può anche perseguire altre fonti di reddito del mutuatario, come commissioni, royalties o reddito da investimenti.

Il debito pro solvendo è la forma più comune di debito perché è meno rischioso per i prestatori. Il debito pro soluto è di solito limitato a prestiti a lungo termine collocati su beni stabilizzati e performanti, come gli immobili commerciali.

Il debito pro solvendo ha due implicazioni fiscali per i mutuatari che si traducono nel riconoscimento di un reddito ordinario imponibile e nella segnalazione di una perdita o di un guadagno. Al momento della compilazione delle tasse, il mutuatario deve segnalare come reddito ordinario qualsiasi parte di un debito che viene condonato dal prestatore.

Indipendentemente dal fatto che un debito sia condonato, il mutuatario deve segnalare una perdita o un guadagno basato sulla differenza tra l’importo originale del prestito e l’importo realizzato nella vendita del bene. Nell’esempio di cui sopra, i 25.000 dollari devono essere riportati come una perdita. Le perdite subite attraverso la vendita di attività carenti non sono deducibili dalle tasse.

  Come si scrive in una mail alla cortese attenzione?

Prestito pro soluto

In generale, il debito pro solvendo (prestiti) permette ai creditori di raccogliere ciò che è dovuto per il debito anche dopo aver preso le garanzie (casa, carte di credito). I creditori hanno il diritto di pignorare i salari o di prelevare i conti per raccogliere quanto dovuto.

Se un prestatore cancella un debito e rilascia il modulo 1099-C, il prestatore indicherà sul modulo se il mutuatario era personalmente responsabile (regresso) per il rimborso del debito. L’impatto fiscale dipende dal tipo di debito – regresso o non regresso.

Se la proprietà che garantisce il debito è stata pignorata o abbandonata, il contribuente potrebbe dover segnalare la disposizione (vendita) sul modulo 8949, Vendite e altre disposizioni di beni capitali, e sul prospetto D, Guadagni e perdite di capitale. Questo è trattato in dettaglio in questo corso.

Sinonimo di ricorso

“Pro soluto” è una frase che ha diversi significati. In senso generale, pro soluto si riferisce a quando l’acquirente di una cambiale o di un altro strumento negoziabile si assume il rischio di inadempienza. Senza ricorso significa che la persona non può ottenere un giudizio contro, o un rimborso da, una parte inadempiente o avversaria.

Il finanziamento può essere esteso con o senza ricorso. In un finanziamento pro-solvendo, nel caso in cui il finanziatore non possa riscuotere il suo pagamento dalla parte in ultima analisi responsabile del pagamento dell’obbligo finanziario, il finanziatore può tornare dal mutuatario per chiedere il pagamento dell’importo dovuto.

  Come recuperare il pin di revoca Entratel?

Per esempio, se una banca finanzia un esportatore fornendo un pagamento immediato, ma non è in grado di riscuotere il denaro dovuto alla scadenza dall’importatore, la banca può tornare dall’esportatore per reclamare quanto dovuto.

D’altra parte, un finanziamento pro soluto significa che il prestatore si assume il rischio del mancato pagamento da parte del debitore. Il mutuatario o l’esportatore non si assume alcuna responsabilità nel caso in cui l’importatore sia inadempiente o sia costretto al fallimento. Il prestatore si assume questi rischi direttamente e non può chiedere il pagamento o sequestrare i beni per qualsiasi parte non specificata nel contratto di debito.

Garante pro solvendo

I prestiti pro solvendo sono un tipo di debito garantito che permette ai prestatori di recuperare i saldi dei prestiti inadempienti sequestrando sia la garanzia del prestito che, se necessario, gli altri beni del mutuatario. Tipi comuni di debito di regresso sono i prestiti auto, le carte di credito e, nella maggior parte degli stati, i mutui per la casa.

In caso di inadempienza, il creditore può sequestrare e vendere il collaterale. Se la garanzia non è sufficiente a coprire il saldo del prestito, il creditore può perseguire gli altri beni del mutuatario. I prestiti pro solvendo comportano meno rischi per i prestatori, quindi di solito hanno tassi di interesse più bassi e sono più ampiamente disponibili.

Anche il debito pro soluto è assicurato da una garanzia collaterale del mutuatario. Tuttavia, in caso di inadempienza, il prestatore può sequestrare solo le garanzie specificate nei documenti del prestito e non può perseguire gli altri beni del mutuatario. Poche banche offrono prestiti pro soluto, ma i mutui per la casa sono trattati come prestiti pro soluto in 12 stati pro soluto. Il debito pro soluto ha anche dei tassi d’interesse più alti e delle qualifiche più restrittive per il mutuatario rispetto al pro solvendo, perché il debito pro soluto è più rischioso per i prestatori.

Cosa significa con obbligo di rivalsa?
  Come cambiare assistente vocale Samsung?
Torna su