In che mese cè il conguaglio?

Inizio per la regolazione del canale navigabile dell’Elba

Questo articolo in edizione speciale fornisce risposte non tecniche a domande selezionate relative all’uso e all’interpretazione dei dati destagionalizzati. Organizzato come una serie di domande frequenti (FAQ), integra le discussioni più tecniche sulla destagionalizzazione nelle pubblicazioni e nei manuali di riferimento di Statistics Canada.

Questo documento di riferimento è diviso in due sezioni. La sezione 1 è una rassegna di concetti e definizioni che sono centrali per la teoria e la pratica della destagionalizzazione. La sezione 2 è una discussione di questioni selezionate relative all’analisi e all’interpretazione dei dati destagionalizzati.

Destagionalizzazione ed effetto calendario – INE – Spagna

La destagionalizzazione è la stima e la rimozione degli effetti stagionali da una serie temporale per rivelare alcune caratteristiche non stagionali. Gli effetti stagionali sono gli effetti persistenti e ripetuti che si verificano nello stesso momento ogni anno, e che non sono spiegabili dalla dinamica delle tendenze o dei cicli. Esempi di effetti stagionali includono il calo della produzione automobilistica a luglio, quando le fabbriche si riattrezzano per i nuovi modelli, e l’aumento della produzione di olio combustibile a settembre, in previsione della stagione di riscaldamento invernale.

Quando è appropriato, il processo di destagionalizzazione stima e rimuove non solo gli effetti stagionali ma anche gli effetti di calendario. Si tratta di effetti coerenti e prevedibili che non sono strettamente stagionali, come gli effetti dei giorni di negoziazione (legati ai mesi o ai trimestri che hanno numeri diversi di ogni giorno della settimana da un anno all’altro, vedi Q7 e gli effetti delle vacanze mobili (per esempio, Labor Day, Ringraziamento e Pasqua, vedi Q9

  Quali sono i beni ordinari non 40?

I movimenti stagionali sono spesso abbastanza grandi da mascherare altre caratteristiche dei dati che sono di interesse per gli analisti delle tendenze e dei cicli attuali. Per esempio, se ogni mese (o trimestre) ha una diversa tendenza stagionale verso valori alti o bassi, può essere difficile rilevare la direzione generale del recente movimento mensile (o trimestrale) di una serie temporale (aumento, diminuzione, cambiamento di direzione, nessun cambiamento, coerenza con un altro indicatore economico, ecc.) La destagionalizzazione produce una serie temporale i cui valori vicini sono di solito più facili da confrontare. Molti utenti di dati preferiscono i dati destagionalizzati alla serie temporale originale, perché vogliono vedere le caratteristiche che i movimenti stagionali tendono a mascherare, specialmente i cambiamenti nella direzione della serie.

Voci di aggiustamento Tally, voci di aggiustamento di fine mese

“Sistema di adeguamento del costo del combustibile” è un sistema concepito per adeguare automaticamente i canoni mensili dell’elettricità in base alle fluttuazioni dei prezzi (effettivamente registrati) del combustibile per il petrolio greggio, il gas naturale liquefatto (GNL) e il carbone.

  Come si fa a sapere a quanto ammonta il TFR?

L’aggiustamento del canone dell’elettricità viene effettuato, utilizzando un metodo di calcolo prestabilito, sulla base delle fluttuazioni tra un prezzo medio del carburante (effettivamente registrato) di 3 mesi e il prezzo standard del carburante (cioè il prezzo del carburante utilizzato come base per le tariffe dell’elettricità).

Se il “prezzo medio del carburante” è superiore a 66.300 yen (prezzo standard del carburante (44.200 yen) x 1,5 (valori inferiori a 100 yen da arrotondare)), questi 66.300 yen saranno il prezzo massimo. In questo caso, per la parte del prezzo medio del carburante oltre i 66.300 yen, non si applica alcun adeguamento.

Le tariffe mensili dell’elettricità saranno calcolate aggiungendo (quando i prezzi del carburante aumentano) o sottraendo (quando i prezzi del carburante diminuiscono) un importo di adeguamento del costo del carburante (definito come un prezzo unitario adeguato al costo del carburante moltiplicato per il consumo mensile di energia).

Voci di rettifica per spese prepagate (contabilità finanziaria)

La rettifica del calendario si riferisce alla correzione delle variazioni di calendario. Tali aggiustamenti del calendario includono aggiustamenti dei giorni lavorativi o l’incidenza delle festività mobili (come la Pasqua e il Capodanno cinese).

I termini “aggiustamento del calendario” e “aggiustamento del giorno lavorativo” (noto anche come “aggiustamento del giorno lavorativo”) sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia, la differenza principale tra i due termini è che l’aggiustamento del giorno lavorativo è solo un tipo di aggiustamento del calendario; un altro tipo di aggiustamento del calendario è un aggiustamento del “giorno di shopping” per la spesa dei consumatori o le serie del commercio al dettaglio. Ogni variabile ha il suo specifico aggiustamento di calendario: l’effetto della lunghezza del mese è assegnato alla componente stagionale perché si verifica anno dopo anno nello stesso periodo, ad eccezione degli effetti dell’anno bisestile.

In che mese cè il conguaglio?
  In quale quadro si trova il sostituto dimposta?
Torna su