Quali sono le voci femminili nella lirica?

Quali sono le voci femminili nella lirica?

Voce profonda che canta

Poi ci sono molte altre distinzioni più sottili usate per definire la gamma, il tono, il colore e il timbro di una voce. Si sono sviluppate come conseguenza di ruoli sempre più impegnativi che richiedevano tipi di voce più specifici.

Tipicamente il mezzosoprano e il baritono, che sono le voci più naturali, interpretano i ruoli di personaggi ordinari e semplici. Inoltre, soprattutto dal 1800 in poi, incarnano spesso i personaggi malvagi e cattivi.

Nel tardo romantico e nel repertorio verista, invece, molti ruoli da protagonista sono cantati da mezzosoprano o baritono. Ciò è dovuto alla tendenza a impiegare voci più scure e potenti per opere sempre più drammatiche e che fanno uso di un suono orchestrale completo.

Nei primi due secoli della storia dell’opera, i cantanti avevano più prestigio di qualsiasi altra persona coinvolta nella produzione e consegna di un’opera. La prima donna e il primo uomo erano pagati una fortuna; erano vere e proprie celebrità del loro tempo.

A volte i castrati si esibivano anche in ruoli femminili. Questo era particolarmente comune a Roma, dove le donne non potevano esibirsi sul palco. Il gusto per i castrati declinò alla fine del XVIII secolo e all’inizio del XIX secolo i ruoli eroici furono completamente occupati dai tenori.

Tipi di voce

La voce maschile di canto più bassa. Nelle opere serie, i bassi di solito interpretano figure autoritarie come padri, monarchi o preti, ma a volte ritraggono incarnazioni del diavolo. Nell’opera comica, invece, il basso è spesso un vecchio buffone.

  Chi ha diritto all IVA al 10 sull energia elettrica?

Musica vocale elaborata e ornata con corse su e giù per la scala, trilli, ampi salti melodici e molte note veloci per sillaba, usata sia per descrivere lo stato emotivo elevato di un personaggio che per mostrare il virtuosismo “atletico” di un cantante. Molte persone descriverebbero questo come “tipico canto d’opera”.

Un accompagnamento per recitativo secco o ‘secco’, scritto per un clavicembalo o altro strumento a tastiera insieme a uno strumento basso (per esempio un violoncello). Di solito segue e commenta l’azione drammatica.

Una sottocategoria dell’opera buffa che sorse nella metà del 18° secolo e includeva sentimentalismo, pathos e talvolta anche barlumi di tragedia in mezzo alla commedia e nonostante un lieto fine. Presentava anche personaggi dell’alta, media e bassa borghesia invece che solo questi ultimi.

Tabella delle gamme vocali

Un tipo di voce è un gruppo di voci con intervalli vocali simili, in grado di cantare in una tessitura simile, e con simili punti di transizione vocale (passaggi).[1] La classificazione delle voci è più fortemente associata alla musica classica europea, anche se, e i termini che utilizza, sono utilizzati anche in altri stili di musica.

Gamma del soprano: Il soprano è la voce di canto più alta. La tipica voce da soprano si trova tra C4 (Do medio) e C6 (Do alto). L’estremo basso per i soprani è all’incirca A3 (appena sotto il Do centrale).[3] La maggior parte dei ruoli di soprano non si estendono sopra il Do6 anche se ci sono diversi ruoli di soprano standard che richiedono il Do6. All’estremo più alto, alcuni ruoli di soprano di coloratura possono raggiungere il G6 (il Sol sopra il Do alto).[4]

  Quali sono le imposte deducibili?

Tessitura del soprano: La tessitura della voce di soprano è più alta di tutte le altre voci tranne il sopranino. In particolare, il soprano di coloratura ha la tessitura più alta di tutti i sottotipi di soprano.[5]

Sottotipi di soprano: Come per tutti i tipi di voce, i soprani sono spesso divisi in diverse sottocategorie in base alla gamma, al colore vocale o al timbro, al peso della voce e alla destrezza della voce. I soprani sono spesso suddivisi in cinque sottocategorie: soprano di coloratura, soubrette, soprano lirico, soprano spinto e soprano drammatico.[5]

Migliori cantanti d’opera femminili

Ci sono molte gamme vocali e tipi di voce per le donne, e questa sezione parlerà dei 3 tipi principali di voci femminili, delle loro rispettive gamme di note, così come di come le loro tessituras o gamme di voce più comode differiscono l’una dall’altra.

Un punto da notare: c’è una differenza tra i due termini – Gamma Vocale e Tipo di Voce; la Gamma della nostra Voce si riferisce alla gamma di note che la voce può raggiungere o produrre un suono, mentre il Tipo di Voce si riferisce ai vari tipi di voci classificate usando certi criteri come gamma vocale, tessiture, punti di transizione di registro, timbro vocale o tono e così via.

  Come calcolare costo successione?

Clicca sui link qui sopra per imparare come trovare l’intera gamma della tua voce, così come capire di più sui vari criteri di classificazione della voce e imparare a determinare il tuo tipo di voce!

Come molti di noi saprebbero, la voce Soprano è la più alta delle voci femminili, e molti di noi avrebbero familiarità con questo tipo di voce. Sono sicuro che molte signore là fuori sarebbero invidiose dei loro amici Soprano che sembrano essere in grado di colpire le note alte con tale facilità!

Quali sono le voci femminili nella lirica?
Torna su