Quando si paga la ritenuta dacconto per condomini?

Rmc 65-2012

Di solito la tassa trattenuta è trattata come un pagamento in conto dell’imposta finale del destinatario, quando la trattenuta è fatta in anticipo. Può essere rimborsata se si determina, quando viene presentata la dichiarazione dei redditi, che l’imposta dovuta dal beneficiario è inferiore all’imposta trattenuta, o può essere dovuta un’imposta aggiuntiva se si determina che l’imposta dovuta dal beneficiario è superiore all’imposta trattenuta. In alcuni casi, l’imposta trattenuta viene trattata come un pagamento dell’imposta dovuta dal destinatario, e non è richiesta alcuna dichiarazione dei redditi o imposta aggiuntiva. Tale ritenuta è nota come ritenuta finale.

L’importo della ritenuta d’imposta sui pagamenti di reddito diversi dal reddito da lavoro è di solito una percentuale fissa. Nel caso del reddito da lavoro, l’importo della ritenuta si basa spesso su una stima dell’imposta finale del dipendente, determinata dal dipendente o dal governo.

Alcuni governi hanno scritto leggi che richiedono che le tasse siano pagate prima che il denaro possa essere speso per qualsiasi altro scopo. Questo assicura che le tasse saranno pagate per prime e saranno pagate in tempo, piuttosto che rischiare la possibilità che il contribuente possa essere inadempiente nel momento in cui le tasse scadono in ritardo.

Tassa sulla proprietà usa

Si tratta di una preoccupazione enorme che deve essere presa in considerazione quando si acquista una proprietà, indipendentemente dal fatto che sia a scopo di investimento o altro. Le tasse sulla proprietà possono intaccare il vostro ritorno sull’investimento, lasciandovi con un considerevole conto da pagare alla fine dell’anno finanziario.

  Come calcolare il valore di un immobile da inserire in successione?

Come investitore che affitta una proprietà in Thailandia, uno dovrà anche affrontare l’ulteriore preoccupazione delle tasse sul proprio reddito da locazione. Diamo un’occhiata alla struttura fiscale degli immobili in Thailandia, evidenziando le cose da sapere prima di acquistare quell’unità condominiale come individuo:

A parte l’impareggiabile apprezzamento dei valori immobiliari e gli impressionanti rendimenti degli affitti nel corso dell’ultimo decennio, un fattore che attira molti stranieri ad acquistare proprietà in Thailandia è la sua struttura fiscale piatta che è priva di costi nascosti. A differenza di molti dei suoi paesi vicini, la Thailandia non addebita l’imposta sul reddito annuale per il possesso di una proprietà, la sua politica di zero tasse si attiva solo al momento della vendita della suddetta proprietà.

Tassa sulla proprietà in Svezia

La tassa di trasferimento del condominio in Thailandia è una tassa imposta dal governo thailandese e pagata presso l’ufficio locale del catasto quando si trasferisce la proprietà di un condominio in Thailandia. Ci sono una varietà di tasse e imposte coinvolte quando si trasferisce un’unità condominiale in Thailandia; tassa di trasferimento, imposta di bollo, ritenuta d’acconto (personale o aziendale) e tassa commerciale specifica (se applicabile).

Il totale delle tasse di trasferimento e delle imposte potrebbe variare da un piccolo importo a un importo relativamente più grande a seconda dell’importo dell’imposta sul reddito coinvolta per il venditore. Un’altra variazione delle tasse e delle imposte di trasferimento nel caso di una rivendita condominiale riguarda l’accordo tra il venditore e l’acquirente e come l’acquirente e il venditore dell’unità condominiale hanno concordato di condividere questi costi.

  Come si paga il saldo Irpef?

Lo sviluppo e la vendita di nuovi condomini è un’attività controllata per contratto in Tailandia e deve essere conforme ai regolamenti del governo. Una condizione è che l’acquirente di una nuova unità o in un acquisto fuori piano di un condominio non può essere addebitato più della metà della tassa di trasferimento di proprietà del 2% soltanto. Tutte le altre tasse e imposte relative alla registrazione e al trasferimento di proprietà devono essere pagate dallo sviluppatore. È comune che gli sviluppatori di condomini in Thailandia cerchino di trasferire all’acquirente i costi di trasferimento per i quali sono per legge responsabili.

Vendita di condominio soggetta all’IVA

Dall’emissione della Revenue Memorandum Circular (RMC) 65-2012 otto anni fa, l’onere fiscale aggiuntivo sulle società condominiali e sui proprietari di unità è stato spesso oggetto di molte controversie. Ciò è dovuto in gran parte al cambiamento della posizione del Bureau of Internal Revenue (BIR). Prima del 2012, il BIR aveva costantemente confermato in diverse sentenze che le quote, i contributi dei membri e altre tasse raccolte dalle società condominiali sono esenti da tasse. Il RMC, tuttavia, ha dichiarato che le quote e i contributi pagati dai membri e dagli inquilini fanno parte del reddito lordo della società condominiale in quanto costituiscono un compenso per i servizi resi, quindi, soggetti all’imposta sul reddito, all’imposta sul valore aggiunto (IVA) e alla ritenuta alla fonte.

  A cosa serve la detrazione dimposta?

RMC 65-2012 è simile a RMC 35-2012, che impone l’imposta sul reddito e l’IVA sulle quote associative, le quote e altri oneri raccolti dai club ricreativi. L’unica differenza sta nell’oggetto – il primo si applica a una corporazione condominiale mentre il secondo riguarda i club ricreativi.

Quando si paga la ritenuta dacconto per condomini?
Torna su