Cosa si intende per mercati emergenti?

Lista dei mercati emergenti dell’Imf

Un’economia di mercato emergente è l’economia di una nazione in via di sviluppo che sta diventando più impegnata con i mercati globali man mano che cresce. I paesi classificati come economie di mercato emergenti sono quelli con alcune, ma non tutte, le caratteristiche di un mercato sviluppato. Man mano che un’economia di mercato emergente progredisce, diventa tipicamente più integrata con l’economia globale, come dimostrato dall’aumento della liquidità nei mercati locali del debito e delle azioni, dall’aumento del volume del commercio e degli investimenti diretti esteri, e dallo sviluppo interno di moderne istituzioni finanziarie e normative. Attualmente, alcune importanti economie di mercato emergenti includono India, Messico, Russia, Pakistan, Arabia Saudita, Cina e Brasile.

Gli investitori cercano i mercati emergenti per la prospettiva di alti rendimenti, in quanto spesso sperimentano una crescita economica più rapida, misurata dal PIL. Tuttavia, insieme ai rendimenti più alti di solito viene un rischio molto maggiore. Il rischio degli investitori nelle economie dei mercati emergenti può includere instabilità politica, problemi di infrastrutture interne, volatilità della valuta e azioni illiquide, poiché molte grandi aziende possono essere ancora “statali” o private. Inoltre, le borse locali potrebbero non offrire mercati liquidi agli investitori esterni.

Vantaggi dei mercati emergenti

I criteri di ingresso per il Club dei Mercati Emergenti non sono strettamente definiti, ma i membri degni di nota includono i BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica), la maggior parte dei MINT (Messico, Indonesia, Turchia) più altri grandi nomi delle Tigri Asiatiche, degli Stati del Golfo, dell’Europa orientale e dell’America Latina. In altre parole, quando compri nei mercati emergenti, stai comprando migliaia di aziende locali con una grande partecipazione in alcuni dei paesi in più rapida crescita e trasformazione del mondo.

  Come Comprare Azioni Tik Tok?

Naturalmente, la performance tende ad essere più volatile nei paesi in rapido sviluppo, ma è possibile ridurre il rischio attraverso la pura diversità di un indice dei mercati emergenti. I costi bassi aumentano le prospettive di rendimento, e si è anche risparmiati dalla complessità di trattare con regimi normativi fluidi quando si tratta di elementi come la proprietà straniera e le ritenute sui dividendi.

Ogni fornitore di indici divide il mondo in modo diverso. Per esempio, MSCI conta la Polonia e la Corea del Sud come mercati emergenti, mentre FTSE li classifica come sviluppati. MSCI classifica 27 paesi come Mercati Emergenti, 23 come Sviluppati, mentre i restanti paesi investibili sono etichettati come Mercati di Frontiera. Ci sono anche ETF che coprono i mercati di frontiera e, naturalmente, i grandi mercati di frontiera come il Vietnam sono anche coperti da indici MSCI per singoli paesi.

Definizione dei mercati emergenti imf

Un’economia di mercato emergente è l’economia di una nazione in via di sviluppo che sta diventando più impegnata con i mercati globali man mano che cresce. I paesi classificati come economie di mercato emergenti sono quelli con alcune, ma non tutte, le caratteristiche di un mercato sviluppato. Man mano che un’economia di mercato emergente progredisce, diventa tipicamente più integrata con l’economia globale, come dimostrato dall’aumento della liquidità nei mercati locali del debito e delle azioni, dall’aumento del volume del commercio e degli investimenti esteri diretti, e dallo sviluppo interno di moderne istituzioni finanziarie e normative. Attualmente, alcune importanti economie di mercato emergenti includono India, Messico, Russia, Pakistan, Arabia Saudita, Cina e Brasile.

  Cosa sono gli ETF a reddito fisso?

Gli investitori cercano i mercati emergenti per la prospettiva di alti rendimenti, in quanto spesso sperimentano una crescita economica più rapida, misurata dal PIL. Tuttavia, insieme ai rendimenti più alti di solito viene un rischio molto maggiore. Il rischio degli investitori nelle economie dei mercati emergenti può includere instabilità politica, problemi di infrastrutture interne, volatilità della valuta e azioni illiquide, poiché molte grandi aziende possono essere ancora “statali” o private. Inoltre, le borse locali potrebbero non offrire mercati liquidi agli investitori esterni.

Definizione di mercato emergente inglese

Un mercato emergente (o un paese emergente o un’economia emergente) è un mercato che ha alcune caratteristiche di un mercato sviluppato, ma non ne soddisfa pienamente gli standard.[1] Questo include mercati che potrebbero diventare mercati sviluppati in futuro o che lo sono stati in passato.[2] Il termine “mercato di frontiera” è usato per i paesi in via di sviluppo con mercati di capitali più piccoli, più rischiosi o più illiquidi di “emergenti”.[3] A partire dal 2006, le economie di Cina e India sono considerate i maggiori mercati emergenti. [Secondo The Economist, molte persone trovano il termine obsoleto, ma nessun nuovo termine ha guadagnato trazione.[5] Il capitale dei fondi hedge dei mercati emergenti ha raggiunto un nuovo livello record nel primo trimestre del 2011 di 121 miliardi di dollari.[6] Le 10 più grandi economie emergenti e in via di sviluppo per PIL nominale o corretto per PPP sono 4 dei 5 paesi BRICS (Brasile, Russia, India e Cina) insieme a Indonesia, Iran, Corea del Sud, Messico, Arabia Saudita, Taiwan e Turchia.

  Come funziona la banca Fineco?

Quando i paesi si “laureano” dal loro status di emergenti, sono indicati come mercati emersi, economie emerse o paesi emersi, dove i paesi si sono sviluppati dallo status di economia emergente, ma ha ancora raggiunto uno sviluppo tecnologico ed economico dei paesi sviluppati.[7]

Cosa si intende per mercati emergenti?
Torna su