Quali fattori sono considerati nellambito della dimensione sociale?

Quali fattori sono considerati nellambito della dimensione sociale?

FATTORI SOCIALI E DOMINIO SOCIOLINGUISTICO CLASSE

Abstract: Lo studio presentato in questo articolo si aggiunge al corpo di ricerca sulla dimensione socio-culturale delle città sostenibili guardando agli sforzi della città di Friburgo, Germania, per creare quartieri che riconoscono l’importanza della dimensione sociale dello sviluppo sostenibile. La ricerca in questo articolo è incentrata sulla valutazione delle risposte sociali del vivere nei due quartieri sostenibili riconosciuti di Friburgo, Rieselfeld e Vauban. Lo studio si concentra sui fattori motivazionali che hanno spinto gli attuali residenti dei due quartieri a trasferirsi lì, il loro livello di soddisfazione nel vivere lì ora, e le loro interazioni sociali percepite e il livello di impegno nella comunità. I risultati mostrano che la soddisfazione di vivere in un luogo e il rafforzamento delle sue risorse attraverso la resilienza so-ciale o la vivibilità possono risultare in un potere a lungo termine della comunità. In generale, ci sono state poche differenze nelle valutazioni delle preferenze delle risorse fisiche e sociali tra le due comunità. I livelli di importanza dei fattori sociali che contribuiscono alla soddisfazione del luogo e alla capacità di permanenza non erano significativamente diversi in entrambi i quartieri. Avere un “cluster” di fattori sociali presenti che erano importanti per i residenti ha contribuito significativamente alla soddisfazione del luogo. Infatti, i risultati del sondaggio hanno mostrato che erano questi fattori sociali ad essere visti come più importanti per la soddisfazione del luogo rispetto agli attributi fisici degli sviluppi sostenibili.

Le 6 dimensioni della salute

Il workshop si concentra sulle varie scale di trasformazione sociale viste dalla prospettiva dell’interazione uomo-ambiente. Si richiama l’attenzione sull’importanza della tecnologia nei processi di trasformazione, specialmente nei suoi aspetti sociali. L’obiettivo è quello di esplorare la tecnologia come innesco del cambiamento socio-culturale, nelle sue relazioni reciproche con le strutture sociali, le istituzioni, il potere, le ideologie, le tradizioni, le disuguaglianze e i conflitti sullo sfondo economico e ambientale.

  Quali sono gli ESG?

Si presume che le persone lavorino in modo routinario, cioè in un sistema (habitus) di disposizioni incarnate, di solito condivise da persone con un background culturale simile, che organizzano i modi in cui gli individui percepiscono il mondo sociale intorno a loro.

Per far fronte alle nuove sfide, le persone usano attivamente varie tecnologie. Tuttavia in molti casi le nuove tecnologie vengono introdotte quasi inconsapevolmente e poi influenzano la direzione della trasformazione in modo lento ed evolutivo. In altri casi, alcune tecnologie, non importa se sono state adottate consapevolmente o meno, hanno rafforzato e accelerato certe tendenze nello sviluppo sociale. Un approccio comparativo, sia in termini di scala spaziale che cronologica, sembra essere uno strumento efficace per comprendere e spiegare la relazione tra tecnologia e trasformazione.

IB Psychology Revision Approccio socioculturale culturale

Bacon, C. M., C. Getz, S. Kraus, M. Montenegro, e K. Holland. 2012. Le dimensioni sociali della sostenibilità e del cambiamento nei sistemi agricoli diversificati. Ecologia e Società 17(4): 41.http://dx.doi.org/10.5751/ES-05226-170441

Sintesi, parte di un articolo speciale su A Social-Ecological Analysis of Diversified Farming Systems: Benefici, Costi, Ostacoli e Quadri politici abilitanti Le dimensioni sociali della sostenibilità e del cambiamento nei sistemi agricoli diversificati

1Dipartimento di Studi e Scienze Ambientali, Santa Clara University, 2Dipartimento di Scienze Ambientali, Politica e Gestione, University of California Berkeley, 3Presidente Educazione all’Agricoltura Sostenibile (SAGE)

  Quali sono i vantaggi competitivi dellimpresa sostenibile?

I sistemi agricoli diversificati (DFS) sono stati posizionati come un’alternativa ambientalmente più sostenibile alle monocolture industriali (Kremen et al. 2012). I DFS sono “pratiche agricole e paesaggi che includono intenzionalmente la biodiversità funzionale a più scale spaziali e/o temporali al fine di mantenere i servizi ecosistemici che forniscono input critici all’agricoltura, come la fertilità del suolo, il controllo di parassiti e malattie, l’efficienza nell’uso dell’acqua e l’impollinazione” (Kremen et al. 2012). In questo articolo esploriamo i criteri per valutare i benefici sociali associati all’agricoltura sostenibile e i contesti istituzionali in cui i DFS potrebbero essere realizzati. Interroghiamo queste questioni attraverso tre casi di studio che descrivono (1) l’emergere storico di ogni sistema agricolo e (2) i costi e i benefici sociali che sono maturati come ogni sistema si è evoluto nel tempo. Ogni caso considera poi una matrice più ampia di fattori istituzionali sociali che contribuiscono a (1) e (2) e che influenzano il potenziale di transizione a lungo termine verso la DFS. Ricerche recenti suggeriscono che la DFS e sistemi agricoli simili possono ridurre sostanzialmente molti degli alti costi sociali e ambientali dell’agricoltura industrializzata (Tegtmeier e Duffy 2004, Gliessman 2007, Hazell e Wood 2008, Pimentel et al. 2008).

Immaginazione sociologica

Globalizzazione è un termine che viene usato in molti modi, ma l’idea principale di fondo è la progressiva integrazione delle economie e delle società. È guidata dalle nuove tecnologie, dalle nuove relazioni economiche e dalle politiche nazionali e internazionali di una vasta gamma di attori, compresi i governi, le organizzazioni internazionali, gli affari, il lavoro e la società civile.

In generale, il processo di globalizzazione ha due aspetti. Il primo si riferisce a quei fattori – come il commercio, gli investimenti, la tecnologia, i sistemi di produzione transfrontalieri, i flussi di informazione e comunicazione – che avvicinano le società e i cittadini.

  Quanto investire minimo in criptovalute?

Il secondo si riferisce alle politiche e alle istituzioni, come la liberalizzazione del commercio e del mercato dei capitali, gli standard internazionali per il lavoro, l’ambiente, il comportamento aziendale e altre questioni, gli accordi sui diritti di proprietà intellettuale, e altre politiche perseguite sia a livello nazionale che internazionale che sostengono l’integrazione delle economie e dei paesi. Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, l’attuale modello di globalizzazione non è una tendenza inevitabile – è almeno in parte il prodotto di scelte politiche. Mentre il cambiamento tecnologico è irreversibile, le politiche possono essere cambiate. I progressi tecnologici hanno anche ampliato le scelte politiche disponibili.

Quali fattori sono considerati nellambito della dimensione sociale?
Torna su