Quali sono i 6 obiettivi ambientali identificati dalla Commissione europea?

Tassonomia UE 2021

Le prime pietre miliari sono già state poste: il regolamento UE sulla tassonomia, il regolamento sulla divulgazione della finanza sostenibile e il regolamento sui benchmark sono tutti già in vigore e costituiscono la base per una maggiore trasparenza. Come aspetto centrale, la tassonomia dell’UE traduce il contributo agli obiettivi del Green Deal dell’UE in cifre chiave (aziendali) su cui gli investitori possono basare le loro decisioni di investimento.

Il regolamento EU Taxonomy, entrato in vigore il 12 luglio 2020, ha stabilito un sistema di classificazione per le attività economiche ambientalmente sostenibili (quadro Taxonomy). La tassonomia dell’UE traduce i contributi agli obiettivi del Green Deal dell’UE in cifre chiave (aziendali). Riconosce come sostenibili le attività che danno un contributo sostanziale al raggiungimento degli obiettivi ambientali dell’UE e che non causano danni significativi.

Il 21 aprile 2021, il collegio dei commissari ha concordato il testo dell’atto delegato dell’UE sulla tassonomia del clima (l'”atto delegato”), che integra il regolamento sulla tassonomia dell’UE. Esso fornisce criteri tecnici di screening per determinare se un’attività economica in un determinato settore può essere considerata come un contributo sostanziale alla mitigazione dei cambiamenti climatici e all’adattamento ai cambiamenti climatici (che sono due dei sei obiettivi ambientali stabiliti nel regolamento sulla tassonomia dell’UE). L’atto delegato sarà formalmente adottato alla fine di maggio ed entrerà in vigore dopo la fine del periodo di scrutinio da parte dei co-legislatori europei. La sua applicazione è prevista a partire dal 1° gennaio 2022. La legge delegata copre le attività economiche di circa il 40% delle società quotate in borsa con più di 500 dipendenti e domiciliate nell’UE, attive in settori economici responsabili di quasi l’80% delle emissioni dirette di gas a effetto serra in Europa (settori rilevanti della tassonomia) (fonti: Bloomberg, Eurostat; vedere la comunicazione dell’ECOM, pagina 2). L’atto delegato copre in particolare i settori della bioenergia, della silvicoltura, dell’idrogeno e dell’energia idroelettrica. La tassonomia dell’UE include più attività economiche e più obiettivi ambientali di quelli utilizzati finora nei quadri di finanziamento verde basati sul mercato.

  Quali sono le migliori piattaforme per investire?

Bussola della tassonomia europea

La tassonomia dell’UE è un quadro per facilitare l’investimento sostenibile ed è stata stabilita per soddisfare gli obiettivi ambientali dell’UE. È uno strumento di classificazione normativa che aiuta gli investitori, le aziende e le istituzioni finanziarie a definire una comprensione standardizzata di quali attività economiche possono essere considerate ambientalmente sostenibili. L’obiettivo generale della tassonomia UE è quello di trasformare i mercati reindirizzando il flusso di capitale verso attività ambientalmente sostenibili. Lo strumento di classificazione della tassonomia UE previene i tentativi di “greenwashing” aumentando la trasparenza delle attività aziendali e chiarendo la loro performance ambientale.

Il reporting delle attività economiche riguardo alla sostenibilità è obbligatorio solo per due gruppi chiave: i partecipanti al mercato finanziario che offrono prodotti finanziari all’interno dell’UE e del Regno Unito e le grandi aziende di interesse pubblico (più di 500 dipendenti + bilancio superiore a 20 milioni di euro o fatturato netto superiore a 40 milioni di euro). Qualsiasi altro partecipante al mercato può usare la tassonomia UE volontariamente.

Tassonomia dei criteri tecnici di screening

Nel dicembre 2019 il Consiglio europeo e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo politico sul testo di una proposta di regolamento sull’istituzione di un quadro per facilitare gli investimenti sostenibili – il cosiddetto “regolamento sulla tassonomia”.    Il regolamento sulla tassonomia1 è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’UE il 22 giugno 2020, dopo l’adozione da parte del Parlamento europeo il 18 giugno 2020 ed è entrato in vigore il 12 luglio 2020.

  Come guadagnare 5 euro al giorno?

Il regolamento sulla tassonomia stabilisce un sistema di classificazione o “quadro” a livello di UE volto a fornire alle imprese e agli investitori un linguaggio comune per identificare in che misura le attività economiche possono essere considerate sostenibili dal punto di vista ambientale. Esso mira a “fornire chiarezza e trasparenza sulla sostenibilità ambientale agli investitori, alle istituzioni finanziarie, alle aziende e agli emittenti, consentendo così un processo decisionale informato al fine di promuovere gli investimenti in attività ambientalmente sostenibili. “2

Mentre la maggior parte del regolamento sulla tassonomia avrà un impatto sui gestori patrimoniali che mettono a disposizione un “prodotto finanziario” che (a) ha come obiettivo la sostenibilità ambientale o (b) promuove caratteristiche ambientali, il regolamento sulla tassonomia stabilisce anche che i partecipanti al mercato finanziario3 che non prendono in considerazione i criteri per gli investimenti ambientalmente sostenibili devono fornire una dichiarazione in tal senso, il che significa che tutti i gestori patrimoniali sono, effettivamente, nel campo di applicazione.

Regolamento Tassonomia Eu pdf

Il 3 agosto, la piattaforma sulla finanza sostenibile ha rilasciato la sua bozza di relazione che delinea nuovi criteri tecnici di screening per tutti e sei gli obiettivi ambientali del regolamento sulla tassonomia. Un invito al feedback chiede al pubblico di fornire un contributo vitale per rafforzare i criteri di sostenibilità che guideranno gli investimenti privati per raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo.

  Come si calcola il premio netto?

Il pacchetto della Commissione sulla finanza sostenibile, che include la tassonomia, comprende decisioni politiche su diverse questioni ambientali su larga scala, che sono essenziali per sostenere il superamento del gap di investimenti di 260 miliardi di euro entro il 2030 per affrontare le sfide ambientali.

La tassonomia dell’UE crea un linguaggio comune tra emittenti, investitori e responsabili politici per comprendere e fornire sostenibilità attraverso la finanza privata. Applicando i requisiti di rendicontazione rispetto ai criteri tecnici di screening, la tassonomia crea trasparenza e chiarezza sulla sostenibilità degli investimenti. Poiché i finanziatori sono sempre più alla ricerca di opportunità di investimento realmente sostenibili, i criteri aggiuntivi forniranno maggiori possibilità alle aziende e agli attori finanziari di attrarre finanziamenti verdi.

Quali sono i 6 obiettivi ambientali identificati dalla Commissione europea?
Torna su