Come si calcola la pensione tedesca?

Come si calcola la pensione tedesca?

Età pensionabile in Germania

Da quando la Germania ha istituito il suo primo sistema di sicurezza sociale nel 1889, l’assicurazione pensionistica pubblica è stata “a ripartizione”, con le pensioni attuali dei pensionati pagate dai premi attuali dei non ancora pensionati. Attualmente circa l’85% della forza lavoro è iscritto all’assicurazione pubblica di pensionamento (gesetzliche Rentenversicherung GRV). I dipendenti pubblici, che costituiscono circa il 9% della forza lavoro, hanno un proprio sistema pensionistico e i lavoratori autonomi, che costituiscono circa il 9% della forza lavoro, sono per lo più autoassicurati (ma possono partecipare al GRV).

Il sistema pubblico di assicurazione pensionistica (chiamato anche assicurazione pensionistica legale), che comprende anche le prestazioni di reversibilità e di invalidità, è stato dominante. La partecipazione è obbligatoria per i dipendenti, con ogni lavoratore valutato per una somma basata sui guadagni annuali. I premi sono dedotti dal datore di lavoro, con il dipendente che paga la metà e il datore di lavoro la metà. Nel 2020 il premio è del 18,6% del salario mensile lordo. Questo è valutato sui redditi mensili fino a un massimo di 6.900 euro (82.800 euro all’anno) nell’ovest e 6.450 euro (77.400 euro all’anno) nell’est. Il pensionamento ora inizia normalmente all’età di 65 anni più nove mesi, sebbene debba essere gradualmente aumentato a 67 anni entro il 2029. Ci sono diversi modi in cui il pensionamento anticipato può iniziare – per esempio a 63 anni se una persona ha contribuito al sistema per 45 anni. Coloro che hanno contribuito per almeno 35 anni possono anche andare in pensione anticipata, ma avranno un beneficio leggermente ridotto. Al contrario, una persona può continuare a lavorare dopo aver raggiunto l’età pensionabile. Questo avrà l’effetto di aumentare i benefici quando la decisione di andare in pensione sarà finalmente presa.

  Quando si può trasferire un fondo pensione aperto?

Pensione tedesca

Un diritto alla pensione può esistere solo se è soddisfatto un periodo di qualificazione, tra le altre cose. Un periodo di qualificazione è definito come un certo periodo assicurativo minimo per l’assicurazione pensionistica legale. Questo periodo assicurativo minimo viene misurato dal numero di periodi rilevanti per la pensione, in particolare dal numero di contributi versati.

La valutazione dell’adempimento del rispettivo periodo di qualificazione avviene in mesi e non in anni. I mesi sono l’unità di calcolo più piccola, cioè la pensione non viene calcolata in giorni. Per ogni anno vengono presi come base 12 mesi. Un mese di calendario per il quale Lei ha versato solo parzialmente i contributi rilevanti per la pensione, conta come un mese completo.

Il periodo di qualificazione di 20 anni è un requisito per la pensione per riduzione completa della capacità di guadagno, se la riduzione completa della capacità di guadagno è iniziata prima del periodo di qualificazione generale ed è esistita ininterrottamente da allora. I mesi di calendario con periodi di contribuzione e periodo sostitutivo (per esempio, periodi di persecuzione politica nell’ex Germania dell’Est) contano per questo.

Calcolatore di pensioni

Quando si tratta di pensioni, più di 30 milioni di lavoratori in Germania fanno affidamento sul pilastro della pensione statale. Tuttavia, a causa dello sviluppo demografico negativo in Germania, il livello delle pensioni continuerà a ridursi nei prossimi anni, e meno lavoratori dovranno finanziare più pensioni in futuro. Per garantire lo standard di vita nella vecchiaia, la pianificazione della pensione privata supplementare diventa quindi sempre più importante.

  Come si calcola il netto della pensione?

L’assicurazione pensionistica tedesca (DRV) fa parte del 1° livello del sistema pensionistico tedesco. La DRV è stata fondata nel 1891 dal cancelliere del Reich tedesco Bismarck e stabilisce che tutti i dipendenti devono versare alla DRV. Le pensioni standard iniziano all’età di 67 anni, e il pensionamento anticipato a partire dai 65 anni è possibile solo in misura limitata, ma per gli assicurati per i costi, c’è circa il 10% di detrazione dalla loro pensione. I lavoratori autonomi possono diventare membri volontari. I liberi professionisti come i medici o gli avvocati possono iscriversi ai loro fondi pensione invece che alla DRV. I dipendenti pubblici non sono nella DRV; ricevono una pensione separata dallo Stato.

Cos’è la pensione minima in Germania

Lo schema si basa sul modello pay-as-you-go (o redistributivo). I fondi versati dai contribuenti (dipendenti e datori di lavoro) non vengono salvati (o investiti) ma vengono utilizzati per pagare gli obblighi pensionistici correnti.

L’importo pagato ai pensionati si basa sui salari medi. L’agenzia tedesca di assicurazione pensionistica pubblica il valore del contributo di ogni anno (punto di retribuzione). Questo viene poi moltiplicato per il numero di anni di contribuzione e la percentuale del salario medio guadagnato durante la vita della persona. La pensione media nel 2012 era di 1.263,15 euro al mese. La pensione massima per qualcuno che ha guadagnato il doppio dello stipendio medio (64.200 euro) sarebbe di 2.526,30 euro.[3]

  Da quando si paga la LPP?

I regimi volontari di pensione professionale (Betriebliche Altersvorsorge) sono stati creati sotto la legge sulle pensioni aziendali (Betriebsrentengesetz) nel 1974[4] e sono un beneficio concesso da una società ai suoi dipendenti. I regimi volontari possono rientrare in diverse categorie:[5]

Nel 2009 i contributi fino a € 2.500 (Betriebsbemessungsgrenze) erano esentasse. Altri 1.800 euro di contributi ai regimi di assicurazione diretta sono esentasse. Circa il 50% dei lavoratori in Germania sono coperti da questi schemi.[6]

Come si calcola la pensione tedesca?
Torna su