Quanto versare per avere una pensione integrativa?

Quanto versare per avere una pensione integrativa?

Quanto posso versare in una pensione se non lavoro

La maggior parte dei dipendenti dell’Università che sono impiegati almeno 0,50 FTE sono tenuti a partecipare al programma di pensionamento ASRS o ORP.* I dipendenti hanno 30 giorni dalla data di assunzione/idoneità per fare una scelta. Questa scelta è irrevocabile.

Tutti i dipendenti dell’Università, compresi quelli che non sono idonei per l’ASRS o l’ORP, possono partecipare a questi piani pensionistici integrativi volontari per risparmiare di più per la pensione. Entrambi i piani integrativi hanno opzioni tradizionali (pre-tasse) e Roth.

Indipendentemente dal piano di pensionamento a cui partecipi, puoi fissare appuntamenti gratuiti nel campus con uno dei due fornitori di investimenti approvati dall’ABOR.  Vi invitiamo a visitare i loro siti web o a contattare i rappresentanti dell’Università per ulteriori informazioni.

Se scegliete l’ORP o il 403(b), dovete selezionare Fidelity Investments o TIAA. I loro rappresentanti possono aiutarvi a fare la vostra scelta e assistervi nell’iscrizione.  Potete cambiare società d’investimento una volta all’anno compilando il modulo di cambio di società d’investimento (PDF).

Prestazione complementare alla pensione

Anche se il pensionamento non è lontano, ci sono modi per aumentare il vostro reddito pensionistico. Questo vale sia per i vostri diritti alla pensione statale che per qualsiasi pensione personale o sul posto di lavoro che avete. Scoprite cosa potete fare.

  Come si calcolano anni contributi?

Se avete una pensione a contribuzione definita, o attraverso il vostro posto di lavoro o una che avete creato per voi stessi, potreste essere in grado di fare dei contributi extra ad essa. Questo ti aiuterà a costruire un piatto più grande, che potrai poi usare per fornire un reddito in pensione.

Puoi pensare a questo come a un “rabbocco” della tua pensione. Per aumentare i tuoi contributi pensionistici, contatta il tuo datore di lavoro o il tuo fornitore di pensione. Uno di loro sarà in grado di aggiornare i tuoi contributi.

Se non siete sicuri di essere in regola con i contributi dell’assicurazione nazionale necessari per ottenere l’intera pensione statale di base, potete chiedere un estratto conto della pensione statale che potrebbe aiutarvi a decidere.

Se volete colmare eventuali lacune nel vostro record di assicurazione nazionale, di solito dovete effettuare il pagamento supplementare entro sei anni dalla data in cui non avete effettuato il pagamento originale. Lo si fa pagando contributi volontari.

Quanto posso versare nella mia pensione

Se attualmente paghi dei contributi volontari aggiuntivi, i tuoi pagamenti continueranno anche dopo il passaggio al piano 2015 dal 1° aprile 2022.  Puoi ancora pagare i contributi aggiuntivi fino alla fine del contratto, il giorno prima dell’inizio di un’interruzione di 12 mesi, o il giorno in cui vai in pensione – qualunque sia la data più vicina.

  Come viene tassato il TFR a fine lavoro?

Se sei attualmente un membro della Sezione 1995 e il tuo compleanno scelto è passato o è meno di 6 mesi prima del tuo passaggio al Programma 2015, ti scriveremo entro 3 mesi dal 1° aprile 2022 per spiegarti come puoi scegliere di farti pagare le tue prestazioni AVC senza dover andare in pensione. Avrai quindi 3 mesi di tempo per dirci cosa vorresti fare.  Condivideremo maggiori informazioni su questa pagina web una volta che avremo iniziato a scrivere ai membri interessati.

Come aumentare i contributi pensionistici legali e generali

Il reddito presunto è un importo teorico di reddito mensile da una rendita che i contributi pensionistici effettivi del dipendente e del datore di lavoro avrebbero generato se i contributi fossero stati ripartiti equamente tra una rendita a dollaro fisso e una a dollaro variabile. La cifra forfettaria risultante viene poi annuitizzata dall’attuario per fornire un reddito a vita basato sull’età del dipendente al momento del pensionamento.

La prima opzione fornisce il pagamento mensile più alto, ma i pagamenti si fermano quando si muore. Le tre opzioni per i sopravvissuti forniscono un pagamento iniziale più basso, ma quando si muore, il beneficiario riceve un reddito continuo.

Opzione 1 – Pagamento supplementare a vita singola: Ricevi l’intero pagamento come rendita a vita con i pagamenti che si fermano alla tua morte. Questo vi fornisce il pagamento mensile più alto durante la vostra vita.

  Come si calcola l inabilità lavorativa?

Opzione 2 – Pagamento supplementare a metà per il superstite: ricevete un pagamento mensile ridotto, alla vostra morte, il beneficiario/sopravvivente riceverà la metà dell’importo che stavate ricevendo. Se il beneficiario/sopravvissuto muore prima di voi, continuerete a ricevere l’importo originale senza alcuna riduzione.

Quanto versare per avere una pensione integrativa?
Torna su